Campino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Campino (2013)

Campino (vero nome Andreas Joachim Wolfgang Konrad Frege ; nato il 22 giugno 1962 a Düsseldorf ) [1] è un cantante, autore e cantautore tedesco-britannico . È il frontman della band di Dusseldorf Die Toten Hosen . Ha anche lavorato come attore in teatro, cinema e televisione.

vita

Campino (2012)

Andreas Frege è cresciuto come figlio del giudice Joachim Frege e della casalinga Jennie Frege. Sua madre era inglese di nascita , aveva studiato all'Università di Oxford e cresciuto i suoi figli bilingue. [2] Ha cinque fratelli, incluso suo fratello John, che ha dodici anni più di lui e grazie ai quali è venuto a conoscenza del punk rock in Inghilterra. [3] Sua sorella maggiore Judith Frege è una ballerina e autrice, e suo fratello maggiore di tre anni Michael Frege è un avvocato. [4] Il nonno di Frege, Ludwig Fregeè stato presidente del Tribunale amministrativo federale. Il bisnonno Franz Friedrich Konrad Frege (1843-1920) era figlio del pastore di Berlino-Schoeneberg Ferdinand Ludwig Frege (1804-1883).

Quando Andreas Frege aveva due anni, la sua famiglia si trasferì da Düsseldorf a Mettmann . Lì ha frequentato quella che oggi è la scuola elementare Astrid Lindgren e poi la scuola superiore Heinrich Heine a Mettmann - Metzkausen . [5] Dopo un anno, però, si trasferì all'Humboldt Gymnasium di Düsseldorf. Lì i suoi compagni di classe lo chiamavano Campino dopo una battaglia di caramelle [6] in classe . [7] Per due volte non è stato in grado di raggiungere l'obiettivo della classe e quindi alla fine ha frequentato la stessa classe di Michael Breitkopf , che era di due anni più giovane di lui, anche uno dei membri fondatori della band Die Toten Hosen. Entrambi si sono diplomati al liceo nel 1983.

Dall'ottobre 1983 [8] è stato nelle forze armate tedesche per otto mesi [2] fino a quando non è stato riconosciuto come obiettore di coscienza . Ha poi svolto servizio alla comunità insieme a Michael Breitkopf nell'ospedale psichiatrico statale di Düsseldorf-Ludenberg . Dal 1978 al 1982 è stato cantante nel gruppo ZK e poi ha fondato la band Die Toten Hosen con Andreas von Holst , Michael Breitkopf, Andreas Meurer , Trini Trimpop e Walter Hartung (noto come Walter November).

Ha un figlio, Lenn Julian Frege, nato nel 2004 , con l'attrice Karina Krawczyk , che lavora come modella . [9] [10] Nel marzo 2019 Campino ha preso la cittadinanza britannica ed ha quindi doppia cittadinanza . [11] Nel 2019 si è sposato a New York. [12]

Film, televisione e coinvolgimento pubblico

Campino (1997)
Campino alla celebrazione dei 40 anni di Black Devils MC (2009)

Campino ha un'alta presenza mediatica in Germania, sia come portavoce della band Die Toten Hosen che come persona. Ha accettato inviti ad apparire in numerosi talk show televisivi dalla metà degli anni '80. Nella mostra di Bettina Böttinger , ad esempio, conobbe Gretchen Dutschke-Klotz , e Alfred Biolek lo invitò una volta con sua madre e un'altra volta con il suo amico Stephan Schröer OSB , l'allora abate dell'abbazia benedettina di Meschede, e prese posizione su entrambi gli spettacoli alla chiesa , alla fede e alla religione . [13] Il rapporto di mancato recapitoha girato un documentario sul cantante rock nella serie God and the World nel 2001. Un altro ritratto cinematografico di 42 minuti intitolato Campino- Mein Leben è stato realizzato nel 2004 per arte e ZDF . [14] La regista Cordula Kablitz-Post ha realizzato un ritratto di Campino di 45 minuti per la serie ARD Germany, dein artists , trasmessa per la prima volta nel luglio 2009. [15] Kablitz-Post ha girato un secondo documentario sul cantante rock per la serie televisiva WDR The Best in the West . [16]

Campino ha spesso agito lui stesso come giornalista. Nel 1994, ad esempio, Der Spiegel pubblicò la sua intervista all'allora ministro della gioventù , Angela Merkel , alla quale fece domande sulle sue esperienze con la droga, l'alcol e il suo primo contatto con la musica pop. [17] Ha chiesto a Paul McCartney la stessa cosa l'anno prima per la rivista Stern . [18] Un anno prima della morte di Joe Strummer , Campino ha intervistato il frontman dei Clash nell'agosto 2001 per SZ-Magazin . [19] Già nel 1989 Campino aveva i musicisti punk Joey Ramone e Dick Manitobaa New York per intervistarla per ME Sounds . [20] Nella primavera del 2016 è stato prodotto per arte e ZDF il documentario London's Burning - Campino sulle orme del punk , in cui Campino ha avuto colloqui con, tra gli altri, Bob Geldof , TV Smith , Charlie Harper , Viv Albertine e Tony Giacomo . [21]

Campino è stato anche visto più volte come attore. Nel 1986 ha interpretato un ruolo secondario nel film Loser di Bernd Schadewald , e nel 1990 ha mimato un punk nella serie serale Der Fahnder . [22] Nel 1992 ha interpretato il ruolo principale al fianco di Gisela Schneeberger nella commedia cinematografica Sabato lungo di Hanns Christian Müller . [23]

In una produzione dell'Opera da tre soldi di Bertolt Brecht diretta da Klaus Maria Brandauer per l' Admiralspalast di Berlino , nel frattempo Metropol-Theater , Campino ha interpretato il ruolo di Mackie Messer da agosto a ottobre 2006 con Gottfried John , Katrin Sass e Birgit Minichmayr , tra altri Maria Happel sul palco. [24] Campino ha assunto il ruolo di protagonista nell'opera Palermo Shooting di Wim Wenders . La prima è avvenuta alla fine di maggio 2008 al 61° Festival di Cannes invece di. Nella nuova versione della fiaba musicale Peter and the Wolf , creata nel 2015 dalla Federal Youth Orchestra sotto la direzione di Alexander Shelley , Campino fa da speaker, [25] per la quale è stato premiato con l' ECHO Klassik in ottobre 2016 . [26]

Quando ZDF ha chiamato i 100 "più grandi tedeschi" nel 2003, Campino ha raggiunto il numero 65 tra le 300 persone selezionate. [27] Nel 2006, Campino ha assunto l' elogio per l' eco di Bob Geldof. Campino è sponsor della Regine Hildebrandt School [28] di Birkenwerder dal 6 dicembre 2006 . Lì dirige un progetto intitolato Scuola senza razzismo – Scuola con coraggio . Nel 2020 Campino ha co-diretto il documentario Wim Wenders, Desperado su Wim Wenders con Eric Friedler . La produzione è stata inclusa nella selezione ufficiale del Festival di Cannes 2020registrato. [29]

Nell'autunno 2020 Campino ha pubblicato il suo libro autobiografico Hope Street: How I Once Became an English Champion . Il titolo è basato su una strada di Liverpool e su una canzone di TV Smith . Il libro parla dell'amore di Campino per il calcio e principalmente del Liverpool FC , ma anche del Fortuna Düsseldorf . Tuttavia, si occupa principalmente della sua storia familiare e della sua casa d'infanzia anglo-tedesca.

dediche di canzoni

Campino ha scritto la canzone Alles ist eins nel singolo Pushed Again per Rieke Lax, una ragazza olandese morta al 1000esimo concerto della band al Rheinstadion di Düsseldorf . [30]

La canzone Unser Haus , pubblicata nell'album Imsterblich , parla dell'infanzia di Campino e della morte del padre. Con il titolo Only to Visit , apparso per la prima volta nell'album Auswärtsspiel , ha elaborato la morte di sua madre. [31] Campino ha dedicato a suo padre la canzone Out in front of the door dall'album Ballast der Republik e descrive il loro rapporto reciproco. [32] Dalla morte dei suoi genitori, entrambi morti di cancro al colon , Campino è stato coinvolto in varie campagne educative e chiede pubblicamente la partecipazione a visite mediche . [33]

discografia

Per una discografia dettagliata di Campino come autore e frontman della band Die Toten Hosen si veda

Campino è apparso anche come ospite nelle seguenti produzioni:

scritti

Letteratura in cui Campino ha contribuito come autore:

link internet

Commons : Die Toten Hosen  – album con immagini, video e file audio
Wikiquote: Campino  – Citazioni

voci

  1. ^ "40 Years of Tote Hosen" nel primo, nell'ARD Mediathek e nell'ARD Audiothek. In: daserste.de. Das Erste , accesso 1 maggio 2022 .
  2. a b Philipp Oehmke : Die Toten Hosen – All'inizio c'era del rumore . Rowohlt Verlag, Reinbek vicino ad Amburgo 2014, ISBN 978-3-498-07379-4 , pp. 48-50.
  3. Campino: Il punk in Repubblica Ceca - Stuka e vibratori. un giorno , 1 febbraio 2008, recuperato il 26 gennaio 2014 .
  4. ^ Philipp Oehmke: Nel nido del cuculo del capitalismo . In: Lo specchio . No. 39 , 2009 ( in linea ).
  5. Campino: Hope Street: come sono diventato una volta campione d'inglese . Piper, Monaco di Baviera 2020, ISBN 978-3-492-07050-8 , pag. 196 .
  6. Nota: Campino è il marchio di una caramella alla frutta di Storck dal 1966 .
  7. Bertram Job : I Toten Hosen raccontano la loro storia . Kiepenheuer & Witsch, Colonia 1996, p.237.
  8. Philipp Oehmke: Die Toten Hosen - All'inizio c'era rumore . Rowohlt Verlag, Reinbek vicino ad Amburgo 2014, ISBN 978-3-498-07379-4 , p.65.
  9. ^ Philipp Oehmke: l'uomo della maratona . In: Lo specchio . No. 1 , 2009 ( in linea ).
  10. Lenn Julian Frege: il figlio di Campino sfoggia la passerella di Prada. Stern , 1 settembre 2021, recuperato il 4 ottobre 2021 .
  11. Campino - Adesso ha la doppia cittadinanza. Stern, 26 marzo 2019, recuperato il 1 aprile 2019 .
  12. ^ "Tote-Hosen-Singer: Campino si è sposato - e non lo ha rivelato" . Stuttgarter Zeitung , 5 ottobre 2020, recuperato il 5 ottobre 2020 .
  13. ^ Boulevard Bio 1991-2003 (ARD). TV Lexicon , consultato il 27 gennaio 2014 .
  14. Frank Eggers: Campino - La mia vita . Macroscope Film 2004, per ZDF/Arte.
  15. Germania i tuoi artisti - Campino. avantimedia, 2009, accesso 27 gennaio 2014 .
  16. Il meglio del West - Campino. avantimedia, 2009, accesso 27 gennaio 2014 .
  17. Campino: Troppo whisky alla ciliegia . In: Der Spiegel Special , n. 2/1994, pp. 115-116. Campino intervista il ministro della Gioventù Angela Merkel
  18. Martin Scholz : Non andrò al Museo dei Beatles . In: Stella . No. 7 , 1993.
  19. Jan Weiler : Stavo solo scherzando in quel momento . In: Rivista SZ . No. 8 , 2001.
  20. ^ Campino: pantaloni morti a New York . In: Musica Espresso . No. 11 , 1989, pag. 86-88 .
  21. ^ London's Burning - Campino sulle tracce del punk. (Non più disponibile online.) arte , 2016, archiviato dall'originale il 17 agosto 2016 ; recuperato il 3 aprile 2018 .
  22. ^ Enciclopedia della serie: The Fahnder - Puppe, Atze, Keule. Internet Movie Database , accesso 8 giugno 2015 (inglese).
  23. ^ Campino all'Internet Movie Database
  24. Joachim Lucchesi: Brandauer mette in scena L'Opera da tre soldi di Brecht & Weill . Suhrkamp, ​​Francoforte sul Meno 2006.
  25. ^ Pietro e il lupo a Hollywood. Deutsche Grammophon , recuperato il 24 settembre 2016 .
  26. ECHO Klassik 2016: glitter e gloria con Anna Netrebko, Andrea Bocelli e tanti altri. Klassikakzente, 6 ottobre 2016, recuperato il 10 ottobre 2016 .
  27. I 100 più grandi tedeschi o classifica senza fine. klartextsatire.de, accesso 26 gennaio 2014 .
  28. Passò il padrino Campino. Regine Hildebrandt School, 11 settembre 2010, recuperata il 26 gennaio 2014 .
  29. ^ Documentario Wim Wenders, Desperado nella selezione ufficiale del Festival di Cannes 2020. Norddeutscher Rundfunk , 15 luglio 2020, recuperato il 15 luglio 2020 .
  30. 1000° concerto , dth-live.de
  31. Libretto delle trasferte , p.2.
  32. Birgit Fuss : I pantaloni morti - zavorra della repubblica. Rolling Stone , 4 maggio 2012, recuperato il 26 gennaio 2014 .
  33. Campino: Combatti il ​​cancro! In: Express , 8 marzo 2007
  34. ^ Sito argentino di Die Toten Hosen
  35. Video ufficiale di All Over Again