I pantaloni morti

Questo è un articolo eccellente che vale la pena leggere.
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Die Toten Hosen (pseudonimo: Die Roten Rosen ) è il nome di un gruppo musicale di Düsseldorf che si è sviluppato dal movimento punk tedesco ed è stato fondato nel 1982.

La band suona musica rock con testi per lo più tedeschi ed elementi del punk rock . Insieme al gruppo musicale berlinese Die Ärzte , è una delle band tedesche di maggior successo commerciale con radici nel punk rock. Ha pubblicato diciassette album in studio, otto album di concerti e sette compilation a novembre 2020 . Dal 1990 è stata in cima alle classifiche degli album tedesche dodici volte . [1] I musicisti si concentrano sui concerti dal vivo e sullo stretto contatto con il pubblico.

storia della banda

Dal 1982 al 1987: I primi anni e i primi successi

Campino 1987

La band Die Toten Hosen è stata fondata nel 1982 da Campino , Andreas von Holst , Andreas Meurer , Michael Breitkopf , Trini Trimpop e Walter Hartung, chiamato Walter November [2] , come successore di ZK nel Ratinger Hof di Düsseldorf . Per il primo concerto della Pasqua del 1982 al macello di Brema , il gruppo fu accidentalmente annunciato dall'organizzatore come "Die Toten Hasen". [3]

Nello stesso anno pubblicò i singoli We are ready e Reisefieber in rapida successione sotto l' etichetta indipendente della band Totenkopf e fece un tour di concerti all'insegna del motto Roswitha non sta arrivando, ma Die Toten Hosen . Oltre a 50 esibizioni in Germania, la band ha tenuto il suo primo concerto all'estero presso l' Ex mattatoio di Roma. [4] [5] Walter November lasciò la band poco dopo a causa dei suoi problemi di droga. [6]

Il terzo singolo con la canzone da party Ice- cooled Bommerlunder è considerato il primo successo rispettabile. L'album di debutto Opel-Gang è uscito nell'estate del 1983. [7] Il video di Ice- cold Bommerlunder è stato girato in una piccola chiesa bavarese nell'estate del 1983, finanziato dalla EMI , diretto da Wolfgang Büld . Con Kurt Raab nel ruolo di un prete cattolico che non è contrario all'alcol e Marianne Sägebrecht come sposa, è stata ritratta una caotica cerimonia nuziale. La comunità ha ritenuto necessario riconsacrare la chiesa del villaggio in seguito e il video è stato girato dal tedescoi programmi della televisione pubblica sono stati a lungo boicottati. [8] Alla fine dell'anno la band, firmata dalla EMI dal luglio 1983, pubblicò una versione hip hop del singolo di Bommerlunder intitolata Hip Hop Bommi Bop come singolo di Natale insieme al rapper newyorkese Fab Five Freddy . [9] Nella primavera del 1984 la band fece una tournée in Francia per il Goethe Institute . [10] Nel giugno 1984 accettò un invito dalla BBC ad apparire in uno spettacolo di John Peel . A causa delle elevate spese di viaggio causate dai membri della band a Londra, ci fu uno scandalo con la EMI. [11]Un altro motivo è stato il contenzioso legale tra Norbert Hähnel , che ha parodiato il cantante di musica folk Heino nell'atto di apertura della band Die Toten Hosen , che aveva un contratto con la EMI – proprio come Die Toten Hosen – e che ha ottenuto un'ingiunzione contro Hähnel nel Tribunale distrettuale di Dusseldorf . Successivamente, la band si separò dalla EMI e si trasferì alla Virgin Records .

Le controversie con la EMI continuarono quando il 1984 vide l'uscita del loro secondo LP , False Flag . [8] L'immagine di uno scheletro di cane seduto davanti a un grammofono presente sulla copertina originale è una caricatura del marchio EMI His Master's Voice . EMI ha ottenuto un cambio di copertura in tribunale. Alla fine, il cane d'osso nel Jolly Roger è stato sostituito con un'aquila d'ossa, che la band, insieme al Jolly Roger , usa ancora oggi come logo. Il tour per l'album includeva più di 80 concerti nella sola Germania. I musicisti hanno avuto la loro prima apparizione televisiva nel programma serale nell'ottobre 1984 nello spettacolo Bei Bio di Alfred Biolekdalla televisione WDR . [12] Nell'autunno del 1985, il gruppo fece un tour in Ungheria e Polonia con il motto Disco in Moscow . Alla fine del 1985 Trini Trimpop lasciò la sua posizione di batterista e passò alla direzione della band fino al 1992. Il nuovo batterista era temporaneamente Jakob Keusen , che a sua volta sostituì Wolfgang Rohde nel gennaio 1986 .

Rohde era alla batteria quando la band registrò il loro terzo album, Damenwahl , nel 1986. Durante l'omonimo tour di concerti, che aveva il motto fuck, bang, blow , la band si è lasciata sponsorizzare dalla compagnia Fromms e ha distribuito preservativi gratuiti al pubblico. Il 1987 ha celebrato la band sotto lo pseudonimo di The Red Roses con il disco Never Mind The Pants - Here's The Red Roses il loro primo successo in classifica con un punteggio massimo di 21 L'album contiene solo versioni rock di successi tedeschi; Il nome del disco e la copertina sono una parodia dell'LP Never Mind the Bollocks, Here's the Sex PistolsSex Pistols dal 1977. Da marzo a dicembre 1987, la band Die Toten Hosen ha girato la Germania all'insegna del motto Una serata colorata per una repubblica nera . Come parte del tour, la band ha accettato un invito al Roskilde Festival in Danimarca e si è esibita all'Olof Palme Peace Festival a Pilsen . [14] La fine del 1987 vide l'uscita del primo album dal vivo della band , Bis zum bitteren Ende , che raggiunse la top 30 delle classifiche tedesche e austriache. [1] [15]

Dal 1988 al 1995: ecco che arriva Alex , acclamazione e vetta delle classifiche

Andreas Meurer 1987

L'LP pubblicato nel 1988 A little bit of horror show , che include la canzone Here come Alex , è considerato la svolta commerciale del gruppo. L'album consiste principalmente nella musica di scena dell'opera teatrale A Clockwork Orange di Bernd Schadewald . Era basato sull'omonimo libro di Anthony Burgess e sul film di Stanley Kubrick . Accanto a Ralf Richter nel ruolo principale, la band si è esibita sul palco del Kammerspiele Bad Godesberg di Bonn per sei mesi . Nel settembre dello stesso anno, la band Die Toten Hosen si esibì in Lituanianelle città di Vilnius e Kaunas al Festival Lituanika , dove la giuria li ha votati come miglior gruppo musicale della manifestazione. [16] Durante il tour primaverile del 1989, la Bonn Biscuit Hall non aveva abbastanza spazio per circa 5.000 persone, data la folla che si era recata al concerto, ed era previsto un concerto aggiuntivo. [17] La ​​band è riuscita anche a fare il tutto esaurito al Dortmund Westfalenhalle con 15.400 visitatori. [18] Nel novembre 1989, la band ha documentato il film 3 accordi per un alleluiala sua precedente vita da musicista. Nella primavera del 1990 hanno suonato per la prima volta come atto di apertura in due concerti dei Rolling Stones al Müngersdorfer Stadion di Colonia. Un concerto della band Die Toten Hosen è stato registrato nella Live Music Hall di Colonia-Ehrenfeld per il programma Rocklife sulla televisione WDR. [19]

A metà aprile 1990, sei mesi dopo la caduta del muro di Berlino , i musicisti fecero un giro in bicicletta nella DDR . Gli strumenti sono stati trasportati in un minibus che ha accompagnato il gruppo. Le stazioni erano club e ristoranti a Bitterfeld , Halle , Lipsia , Dresda , dove la band suonava nel fienile , tra l'altro, [20] e nella casa dei giovani talenti di Berlino Est . [21]

A luglio la band è stata invitata al New Music Seminar di New York . [22] In estate la band si è recata in Italia per riferire sui Mondiali per il taz e SDR 3 , tra gli altri . [23] Allo stesso tempo, i musicisti pubblicarono una cover "folle" del classico Azzurro di Adriano Celentano e un videoclip di accompagnamento. Il film dà uno sguardo satirico al comportamento dei tedeschi come turisti del calcio all'estero. Il doppio album Auf dem Kreuzzug ins Glück , uscito nello stesso annoè stato il primo album del gruppo a raggiungere il numero uno nelle classifiche tedesche ed è stato certificato disco di platino per aver venduto 500.000 copie in Germania . [24]

Nel 1991 è stato pubblicato l'album Learning English Lesson One . La maggior parte delle canzoni sono cover di classici punk rock in lingua inglese. Almeno un membro della band originale era sempre presente durante le registrazioni. La band ha anche lavorato a questa produzione con il rapinatore di posta inglese Ronald Biggs , che hanno visitato a Rio de Janeiro . Dalla primavera all'autunno 1992 la band ha girato l'Europa sotto il motto People, Animals, Sensations e poi ha suonato per la prima volta in Argentina. [25] Il singolo Sascha, pubblicato per il Natale del 1992, era un tedesco integerrimoha mostrato un chiaro orientamento contro il radicalismo di destra . Con il ricavato, la band ha sostenuto "l'appello di Düsseldorf contro la xenofobia e il razzismo". I repubblicani tentarono senza successo di far bandire la canzone per disprezzo partigiano, contribuendo così involontariamente al successo del titolo: il singolo ha suonato oltre mezzo milione di marchi. [26]

Nel 1993 l'album Buy Me! , che ha raggiunto il numero uno nelle classifiche degli album tedeschi. Tratta principalmente i temi dei consumi, della pubblicità e dell'estremismo di destra. Le canzoni tratte dall'album Wünsch DIR erano , Alles aus Liebe e Kauf MICH! sono stati trovati anche nei primi 35 posti delle classifiche dei singoli. Nell'estate dello stesso anno hanno suonato come atto di apertura per gli U2 nel loro Zoo TV Tour in Germania davanti a più di 50.000 persone. Nello stesso anno, la band pubblicò il loro primo album best-of intitolato Reich & sexye si è presentato nudo in copertina come un milionario di dischi alla moda, circondato da diverse donne nude.Una versione internazionale dell'album best-of è seguita nel 1994 con Love, Peace & Money . A quel tempo, la band Die Toten Hosen aveva un totale di tre album nelle classifiche tedesche contemporaneamente. Nel 1994, la band viaggiò di nuovo per quasi tutto l'anno per riempire le sale della Germania e dei paesi vicini e si esibì all'Açıkhava Tiyatrosu Amphitheatre di Istanbul, tra gli altri luoghi. A novembre ha tenuto quattro concerti negli Stati Uniti e in Canada come atto di apertura dei Green Day . Presso la stazione giovanile ORB / SFB FritzDall'aprile 1995, i musicisti hanno moderato il loro programma radiofonico , Thousand Bars of Dance Music . [27] Il format è durato un anno, sempre la domenica dalle 19:00 alle 20:00. [28] Alla fine dell'anno, la band ha fondato la compagnia JKP e ha preso in mano la commercializzazione delle loro registrazioni. [29]

Dal 1996 al 2000: JKP – gli inizi della propria etichetta

Andreas von Holst e Andreas Meurer 1987
Wolfgang Rohde 1987

Il primo album sotto la propria etichetta è stato pubblicato nel 1996 e si chiamava Opium fürs Volk . In questa registrazione, il gruppo musicale affronta principalmente i temi della fede e della religione. Ha ricevuto il disco di platino per la terza volta, dopo gli album Kauf MICH! e Ricco e sexy . [24] Con il disaccoppiamento Ten Little Jägermeister , raggiunse per la prima volta il numero uno nelle classifiche dei singoli tedeschi. Insieme a Iggy Pop , la band ha aperto per i Ramones al loro concerto d'addio al River Plate Stadium di Buenos Airesdavanti a 75.000 spettatori. Questo è stato seguito da un lungo tour all'insegna del motto Forever dura più a lungo attraverso Germania, Austria e Svizzera. Si sono esibiti anche al Gurten Festival, al Forestglade Festival , al Berlin Waldbühne e al Bizarre Festival di Colonia. Hanno fatto la loro prima apparizione da headliner al Rock am Ring nel maggio 1996 . Lo stesso anno vide l'uscita del secondo album dal vivo della band, intitolato On the Order of the Lord .

Negli anni dal 1982 al 1997 il gruppo musicale ha tenuto oltre 1000 concerti. Al concerto dell'anniversario del 28 giugno 1997 al Rheinstadion di Düsseldorf davanti a 60.000 spettatori, una ragazza di sedici anni morì tra la folla davanti al palco. La band inizialmente ha interrotto il concerto, ma ha continuato a suonare su consiglio del direttore operativo dei vigili del fuoco professionisti di Düsseldorf per evitare il panico. Scioccato dagli eventi, il gruppo ha cancellato tutti gli altri concerti dell'anno e non ha suonato negli stadi per quasi due anni. [30]

Nel gennaio 1998 la band ha partecipato al Vans Warped Tour . Il tour ha coperto festival in Nuova Zelanda, Australia, Giappone e Stati Uniti, dove la loro visibilità era bassa. Nello stesso mese è apparso il singolo Pushed Again , una canzone sull'illegalità e l'oppressione, [31] che hanno presentato al pubblico tedesco in un concerto illegale in occasione del trasporto di Castor ad Ahaus . [32] Ad agosto, la band Die Toten Hosen ha suonato al festival di Landsberg am Lech e a Constance al Rock-am-See-Festival. Seguì il Vans Warped Tour in Europa, che includeva esibizioni in Spagna, Italia, Ungheria e Slovacchia oltre a cinque concerti in Germania.

Alla fine dell'anno, la band riattiva il suo pseudonimo "Die Roten Rosen" e registra varie parodie di canti natalizi tradizionali per l'album Wir wait auf's Christkind . Nel 1999, a causa di problemi di salute alla colonna vertebrale, Wolfgang Rohde cedette il posto alla batteria a Vom Ritchie , che aveva già debuttato ai concerti di Natale del 1998 con il titolo Little Drummer Boy . La band ha pubblicato l'album Imsterblich come "Die Toten Hosen" nel 1999 , i cui testi trattano principalmente della caducità dell'esistenza. Nello stesso anno, l'etichetta della band JKP pubblicò la colonna sonora del film You Are Dead , a cui aveva contribuito con l'omonima canzone del titolo.

In primavera, la band Die Toten Hosen ha visitato di nuovo l'Argentina. Durante la loro esibizione al "Museum" di Buenos Aires il 24 marzo 2000, il palco crollò pochi minuti dopo l'inizio del concerto sotto l'assalto dei fan. Nessuno è rimasto ferito, ma l'evento ha dovuto essere annullato e ripetuto il giorno successivo. Entrambe le apparizioni sono state documentate nel DVD En misión del señor , uscito nel 2001.

L'11 giugno 2000, durante un concerto al Rock am Ring , Campino scivolò sul palco e si strappò il legamento crociato . Sebbene sia stato in grado di finire il concerto, più di 70 eventi del tour precedentemente annunciati in quel momento hanno dovuto essere cancellati. [33]

Dal 2001 al 2005: dalla trasferta alla semplice visita

Da Richie 2009

Nel 2001 Die Toten Hosen ha prodotto l'album Useless , contenente 15 delle composizioni di Smith dagli anni '70, come band di supporto di TV Smith , il cantautore ed ex cantante della band punk britannica The Adverts . Dopo un soggiorno a Cuba , diversi concerti in Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e come gruppo di supporto per gli AC/DC in Germania nell'estate del 2001, l'album Auswärtsspiel è stato pubblicato l'anno successivo. Da febbraio a dicembre 2002 la band Die Toten Hosen ha viaggiato in Germania, Austria e Svizzera e ha tenuto più di 70 concerti in sale completamente esaurite. Inoltre, ha partecipato all'Himos Festival in Finlandia, presso ilPrzystanek Woodstock ha partecipato in Polonia ea Budapest allo Sziget Festival e ha tenuto due concerti a Buenos Aires . Entro la fine del 2002, oltre mezzo milione di spettatori aveva visto la band dal vivo.

Nel frattempo è stato pubblicato il secondo best-of album Reich & sexy II . Nel 2003 la band si prende una pausa, torna in Argentina per diversi concerti in autunno e riporta nel febbraio 2004 con il maxi CD Friss oder dieb zurück. Successivamente, la band ha intrapreso il Do It Or Die Tour , che è iniziato nell'aprile 2004 con concerti nei club a Sofia , Belgrado e Zagabria . Comprendeva esibizioni al Rock im Park , Rock am Ring, l' Aerodrom Festival a Wiener Neustadt , l' Open Air Gampel e l' OpenAir in estatea Tufertschwil e concluso il 10 settembre 2005 nella gremita LTU Arena di Düsseldorf . Il concerto è stato pubblicato in DVD con il titolo Heimspiel .

Con l'album in studio zurück zum Glück , che ruota attorno alla definizione filosofica di felicità ed è stato pubblicato nell'ottobre 2004, la band ha raggiunto la sesta posizione numero uno nelle classifiche tedesche degli album. La serie di 16 episodi Friss oder dieb , in cui i membri della band raccontano le loro vite e quelle dei loro amici e familiari, è stata trasmessa su MTV ed è stata pubblicata come triplo DVD nel giugno 2005 .

Nel settembre 2005, la band Die Toten Hosen, con i musicisti ospiti Esther Kim e Raphael Zweifel , ha registrato un concerto unplugged di MTV al Burgtheater di Vienna . La registrazione, intitolata Nur zu Visit , è stata pubblicata come album e film musicale nel dicembre dello stesso anno. Alla fine dell'anno è stata in tournée con Gerhard Polt e il Biermösl Blosn in vari teatri e teatri d'opera e ha eseguito il programma di cabaret Abvent sotto la direzione di Hanns Christian Müller .

Dal 2006 al 2011: In tutto silenzio , rumori forti e fumo e specchi

Nel 2006 non ci sono state né prove né concerti. Durante la pausa nella band, Campino ha interpretato il ruolo di Macheath in una produzione dell'Opera da tre soldi di Brecht all'Admiralspalast di Berlino , diretta da Klaus Maria Brandauer . [34] Vom Ritchie, nel frattempo, era fuori con gli Spittin' Vicars e TV Smith. [35]

La band ha suonato i concerti il ​​27 maggio ad Amburgo e il 28 maggio a Berlino, nonché un'apparizione ciascuno al Rock am Ring e al Rock im Park all'inizio di giugno sotto il motto Hals + Beinbruch Tour '08 , poiché Campino si è rotto il diritto piede all'inizio di maggio si era rotto. L'album in studio In aller Stille è stato pubblicato nel novembre 2008. I concerti del tour Machmalauter dal novembre 2008 al Natale 2009 sono stati completamente esauriti. Quasi tutti gli eventi del tour sono stati accompagnati dai musicisti ospiti Esther Kim e Raphael Zweifel. [36]

L'azione di arrampicata di Campino al Teatro Colegiales, Buenos Aires 2009

Nell'aprile 2009 la band Die Toten Hosen ha pubblicato un album per il mercato argentino. Il sampler dal nome La hermandad - En el principio fue el ruido contiene la maggior parte dei brani dell'album In aller Stille und zurück zum Glück tre nuovi titoli. Allo stesso tempo, la band si recò in Sud America, ora per la nona volta, e aprì la seconda parte del loro tour a Buenos Aires . [37] È stata seguita il 2 maggio 2009, per la prima volta nella storia della band, un'esibizione a Mosca . [38]

A novembre, la band Die Toten Hosen è stata nuovamente in tournée in America Latina, tenendo concerti in Patagonia , Guatemala , Panama , Nicaragua e Messico , tra gli altri luoghi . La band documenta il loro tour con il loro terzo album dal vivo Machmalauter Live , pubblicato nel novembre 2009 come doppio CD. Inoltre, una registrazione del concerto dell'evento nella Waldbühne di Berlino e del concerto in SO36 è stata pubblicata come DVD.

A settembre e ottobre 2010, la band ha visitato l'Asia centrale all'insegna del motto suono e fumo . Due concerti si sono svolti in Kazakistan nelle città di Astana e Almaty . Il tour è proseguito a Tashkent , Samarcanda , Dushanbe , Istanbul , Amman e Tel Aviv . [39] Alla fine del 2011 è stata pubblicata la compilation All die Jahres .

Dal 2012 al 2016: Ballast of the Republic e The Crash of the Republic

SAP Arena Mannheim, 15 dicembre 2012

Il 4 maggio 2012 è stato pubblicato l'album in studio Ballast der Republik . Può essere ottenuto singolarmente o insieme all'album Die Geister, die wir Rufen , che è stato prodotto appositamente per il 30° anniversario della band e contiene principalmente cover. L'album raggiunse immediatamente il numero uno delle classifiche in Germania, il numero uno in Austria e la vetta delle classifiche svizzere. La canzone " Days Like This " ha accompagnato la squadra tedesca durante il campionato europeo di calcio 2012 e ha raggiunto il numero uno nella classifica dei singoli tedeschi. [40]

Il tour del 30° anniversario è iniziato il 10 aprile 2012 con un concerto al Bremer Schlachthof [41] ed è proseguito fino al 13 maggio 2012 con una serie di concerti in salotto. [42] A settembre, i musicisti si sono recati a Buenos Aires all'insegna del motto 20 anni in Argentina , dove ora sono stati nominati cittadini onorari della città, [43] per celebrare il loro anniversario nell'Estadio Cubierto Malvinas Argentinas . Seguirono altri tre spettacoli nelle città di provincia di San Miguel de Tucumán , Salta e Mar del Plata . [44] I concerti sono stati accompagnati dal DVD Noches como Estas(Spanish Nights Like These ), che è stato rilasciato nel dicembre 2012 e include anche una registrazione dei concerti in soggiorno intitolata Drunk on Duty .

Il tour europeo, a tema Der Krach der Republik , è iniziato il 13 novembre all'Arena Leipzig ; fino alla fine del 2012 si sono svolti altri concerti in 24 grandi sale in Germania, Austria e Svizzera. Il tour, che è continuato nell'aprile 2013 e si è concluso nell'ottobre 2013 con due concerti all'Esprit Arena di Düsseldorf, tutto esaurito , è stato il tour di maggior successo della band fino ad oggi, con oltre un milione di spettatori e più di 60 concerti. [45] Il tour ha prodotto il quinto album dal vivo della band, Der Krach der Republik , che è stato rilasciato nel novembre 2013, e un film musicale di due ore, che è stato rilasciato nella primavera del 2014.

Dal 2017: capriccio della natura

Nella primavera del 2017, la band ha annunciato il suo nuovo album in studio Laune der Natur , che è stato rilasciato il 5 maggio 2017, con una serie di concerti in salotto. È disponibile individualmente o con Learning English Lezione Due . Come Learning English Lesson One del 1991, questa produzione è stata registrata insieme ad altri musicisti e consiste esclusivamente in cover. [46]

Concerto all'SO36 di Berlino, 2018

Dopo 30 anni di amicizia, Gerhard Polt , i fratelli Well e Die Toten Hosen hanno suonato insieme all'inizio di luglio 2017 sotto il motto "Nell'occhio del timpano" al Kammerspiele di Monaco , [47] nella Konzerthaus di Vienna , [48] in il "Theater im Forum am Schlosspark" di Ludwigsburg , [49] nella Tonhalle di Zurigo , nel Lichtburg di Essen , nell'Admiralspalast di Berlino e nella Laeiszhalle di Amburgo , ciascuno al tutto esaurito. Un altro tour di concerti chiamato Laune der Natourattraverso numerose città in Germania e Svizzera è iniziata il 5 novembre 2017 a Chemnitz e si è conclusa con due concerti il ​​12 e 13 ottobre 2018 alla Merkur Spiel-Arena di Düsseldorf. [50] Una registrazione dell'ultimo concerto serale è stata pubblicata il 29 marzo 2019 con il titolo Das Laune der Natour-Finale come album doppio o triplo insieme all'album Alla ricerca della grappa - Live im SO36 , registrato il 7 novembre , 2018 nel club berlinese SO36 .

Il 21 aprile 2018, i Die Toten Hosen hanno suonato per la prima volta nella Repubblica popolare cinese , dove si sono esibiti al festival musicale "Yugong Yishan" vicino a Pechino . Un altro concerto si è svolto a Hong Kong il 24 aprile 2018. Alcune delle scalette sono state censurate. [51]

La band ha invitato a una prova pubblica il 12 luglio 2019 e ha tenuto due concerti acustici nella Tonhalle di Düsseldorf nei due giorni successivi all'insegna del motto Mit Timpani e Trombe . [52] Il materiale audio risultante è stato pubblicato alla fine di ottobre 2019 come album dal vivo Alles ohne Strom . L'omonimo tour di concerti previsto per il 2020 è stato annullato senza sostituzione a causa della pandemia di Covid 19 . [53]

Alla fine del 2020, la band ha pubblicato un nuovo album in studio intitolato: Learning English Lesson Three: Mersey Beat! , che contiene solo copertine in inglese nel Mersey Sound . [54]

Nel giugno 2021, la band ha annunciato di voler organizzare un grande tour per l'anniversario per celebrare il loro 40esimo anniversario. Si svolgerà da giugno a settembre 2022 ed è intitolato "Everything out of love - 40 years of Die Toten Hosen". Il tour includerà 19 esibizioni della band in Germania, Austria e Svizzera. [55]

Lavoro artistico e significato

testi e composizioni

Blocco note dei primi anni come copertina per la nuova edizione dei primi singoli (1982-1984) in cofanetto da collezione nel 1995.

Campino ha scritto quasi tutti i testi per la band Die Toten Hosen, mentre von Holst, Meurer e Breitkopf erano responsabili degli arrangiamenti musicali. Gli ex batteristi Trimpop e Rohde sono stati nominati come autori di alcune composizioni più antiche. Il britannico Jon Caffery ha prodotto la maggior parte della musica dal 1982 al 2007 . La band lavora con il produttore Vincent Sorg dal 2008 .

La band ha affrontato questioni sociali e politiche in modo critico e spesso satirico. I testi, scritti principalmente come narrativa soggettiva in prima persona , trattano spesso di psicologia, fede, religione e caducità dell'essere . Altri temi sono la xenofobia, il coraggio civile e l'amicizia.

Caratteristico del gruppo è il frequente riferimento al tema del calcio. Quasi tutti i testi sono scritti in linguaggio colloquiale e spesso contengono espressioni volgari . La band ha pubblicato alcune canzoni bevute che sono diventate successi popolari nei paesi di lingua tedesca. Occasionalmente hanno anche coperto The Beatles e The Rolling Stones . Con "Schunkelpunk" come EisCooler Bommerlunder , l'interpretazione di Altbierlied di Hans Ludwig Lonsdorfer e numerose cover di hit tedesche, la band Die Toten Hosen è uno dei pionieri della musica folk . [56]

La band si sente legata al cabaret . Gli artisti Gerhard Polt , il Biermösl Blosn , Funny van Dannen e Hanns Christian Müller di questo genere sono stati coinvolti in varie produzioni della band dagli anni '90. Per arrangiamenti più difficili, come per il progetto Nur zu Visit-Unplugged al Burgtheater di Vienna , la band è stata supportata da musicisti di formazione classica come Hans Steingen , Tim Cross , Esther Kim e Raphael Zweifel. Dal 2005, la band Die Toten Hosen ha suonato brani più vecchi del loro repertorio con quelli acusticinuovi strumenti. Per le poche canzoni in lingua inglese, Campino ha collaborato con Honest John Plain , Matt Dangerfield di The Boys e T.V. Smith . Dal 2012 sono stati scritti diversi testi anche in collaborazione con la musicista hip-hop Marteria di Rostock . Entro il 2021, la band Die Toten Hosen aveva pubblicato più di 365 composizioni [57] e 196 cover.

sviluppo musicale

Tutti i musicisti della band sono autodidatti sui loro strumenti. All'inizio, la maggior parte dei membri della band andava a scuola. Hanno registrato il primo album in modo non professionale in uno studio affittato a ore. [58] Si sono limitati a semplici riff e testi di chitarra e hanno registrato la loro musica con il dilettantismo consueto nel punk rock . Le loro principali influenze sono le band punk degli anni '70, a cui hanno reso omaggio nella maggior parte dei loro album e in tutti i loro concerti.

La band Die Toten Hosen ha continuato a svilupparsi attraverso i loro molti anni di esperienza sul palco, nuovi contatti con altri musicisti e diverse impressioni dall'estero. Grazie al loro successo commerciale dalla fine degli anni '80 e alla conseguente buona situazione finanziaria, soprattutto dopo aver fondato la propria etichetta JKP nel 1995, la band ha anche l'opportunità di implementare le proprie idee secondo le proprie idee. [59] In singoli pezzi hanno sperimentato le corde o gli strumenti a fiato. L'una o l'altra canzone ha in prestito dal jazz (ad es. Why't I get full ), contiene elementi dal reggae (ad es. Ten little Jägermeister) o musica gitana jugoslava (es. La ragazza di Rottweil ).

Fondamentalmente, tuttavia, la band Die Toten Hosen non si è discostata in modo significativo dal loro stile musicale originale. Ciò include elementi di pura musica rock come crome martellate e accordi potenti che conferiscono al suono un carattere pulsante e trascinante. [60] Creano contrasti con mezzi musicali semplici, usano melodie ridotte a uno spazio tonale ristretto, armonie vocali simili a inni nel ritornello e rinunciano a lunghi assoli . [61]

concerti

Campino 2007
Il pubblico in azione, Jonschwil 2009

I Toten Hosen si considerano una band dal vivo e sono stati in tournée quasi ininterrottamente da quando si sono formati nel 1982. Dalla fine degli anni '80, la band ha riempito anche le grandi sale dei paesi di lingua tedesca ed è stata uno dei gruppi principali in quasi tutti i festival rock del paese. [62] Per poter mantenere bassi i prezzi dei biglietti, la band evitava in gran parte i fuochi d'artificio nei loro spettacoli e faceva affidamento su effetti di luce, pareti video e bombe di coriandoli.

Il fulcro di tutti i concerti è Campino , cantante e frontman della band, che è responsabile dello spettacolo attraverso il suo sforzo fisico e i suoi annunci provocatori e satirici. Si muove molto rapidamente attraverso il palco, si tuffa sul palco o si arrampica sulle torri dei riflettori per cantare una canzone fino alla fine da lì, a volte appeso a testa in giù a dieci metri da terra. Con canzoni simili a inni, l'uso di call and response e cover di successi famosi, la band incoraggia il pubblico a cantare insieme e coinvolgerlo nello spettacolo.

Le esibizioni a sorpresa davanti a un piccolo pubblico sono tipiche della band Die Toten Hosen. Ha suonato nella prigione femminile di Plötzensee , nella prigione di Tegel o nel Natale 1995 nella prigione di Ulmer Höh a Düsseldorf . [63] Suonarono su un battello a vapore sull'Elba a Dresda, in un rifugio del Soccorso alpino austriaco a quasi 2000 metri sul livello del mare o sullo Zugspitze , [64] nella scuola monastica di Altötting [65] o nel 5° reparto psichiatrico dell'ospedale generale di Amburgo-Ochsenzoll . [66]In tutti questi eventi i musicisti rinunciavano sempre a un compenso e si esibivano solo per vitto e alloggio.

Con la crescente consapevolezza, divenne sempre più difficile per la band fare la scelta giusta tra i tanti inviti a questi "gigs Magical Mystery Tour", come chiamavano questi concerti dopo un album dei Beatles . Dal 1992 quindi pubblicizza pubblicamente queste esibizioni al fine di selezionare la più originale delle candidature pervenute. Nel 2004, ad esempio, hanno suonato in un appartamento condiviso a Pirmasens per gli studenti che avevano vinto il concerto come premio principale del concorso video della band. [67] Nel settembre 2009, la band tenne un concerto all'SO36, al fine di utilizzare i biglietti d'ingresso per sostenere il finanziamento di un muro di insonorizzazione, che la città di Berlino ha posto come condizione per i proprietari dei club a seguito di una controversia di quartiere. [68]

Dagli anni '90, la band ha regolarmente suonato concerti aggiuntivi senza preavviso davanti alla rispettiva sede per i fan che non avevano più ricevuto i biglietti, come nel 2012 davanti alla Tonhalle di Düsseldorf . [69] Per poter suonare in piccoli club davanti a un pubblico gestibile, la band usava occasionalmente degli pseudonimi . Nel 1993 è apparsa come "The Catastrophe Squad", nel 1998 come "Rhine Pirates". Nel 2000 ha tenuto diversi concerti come "Essen aufrädern", due dei quali insieme alla band Die Ärzte , che si è esibita come "Die Zu Späten", a Berlino e Düsseldorf. Con lo pseudonimo di "Die Jungs von der Opelgang" la band si è esibita nel 2004 nell'ex capannone industriale della Böhler-Werkeal festival Rock am Turm , organizzato ogni anno da Wolfgang Rohde. [70]

Nel frattempo la band ha iniziato a consegnare i biglietti per i propri concerti in salette e locali solo se fornisci i tuoi dati personali e presentando la tua carta d'identità all'ingresso. Al fine di escludere l'aumento dei prezzi del mercato nero, i biglietti non sono cedibili ad altre persone. [71]

Discografia e premi (selezione)

Dal 1990, dieci album musicali della band Die Toten Hosen hanno raggiunto il numero uno delle classifiche tedesche. Il gruppo musicale ha ricevuto numerosi dischi d'oro e di platino per oltre 14.060.500 dischi venduti in Germania, Austria e Svizzera . (al 25 agosto 2017)

La band Die Toten Hosen è stata premiata con vari premi dei media tedeschi. Ha ricevuto più volte il premio musicale Echo dalla Deutsche Phono-Akademie : l' Echo nel 1994 per il suo marketing, l' Echo nel 1997 per il video animato per la canzone Zehn kleine Jägermeister , una collaborazione tra Ralf Schmerberg e Andreas Hykade , l' Echo nel 2003 come miglior gruppo nazionale e nel 2009 come miglior concerto di una band tedesca. Agli Echo Awards 2013 , la band è stata premiata come miglior gruppo nazionale. Inoltre, l'album Ballast der Republikcome album dell'anno 2012, i giorni della canzone come questi come successo dell'anno 2012 e Noches come Estas - Live in Buenos Aires come migliore produzione di DVD a livello nazionale. [72] Agli Echo Awards 2014 , la band è stata riconosciuta come il miglior spettacolo dal vivo a livello nazionale. [73] La band ha ricevuto l' Echo 2018 nella categoria Rock nazionale . [74]

Il premio musicale Comet , assegnato annualmente dal canale televisivo VIVA , è stato assegnato alla band nel 1996 e nel 2000 nella categoria miglior gruppo musicale nazionale . Nel 1997 l'ha ricevuto per il video di Ten Little Jägermeister e nel 2002 una volta per la migliore band dal vivo e anche per il video musicale della canzone No alcol (non è nemmeno una soluzione)! , diretto da Peter Thorwarth e che coinvolge gli attori Ingo Naujoks e Karina Krawczyk .

La band ricevette l' Otto , pubblicizzato dalla rivista giovanile Bravo , in oro nel 1996 e in bronzo l'anno successivo. I Krone , i cui premiati vengono votati annualmente dagli ascoltatori della stazione radiofonica 1 Live , sono stati assegnati al gruppo nel 2000, 2009 e 2012 come miglior band e nel 2007 alla carriera. Solo da visitare: Die Toten Hosen dal vivo al Burgtheater di Vienna è stato scelto come miglior album del 2006 e nel 2013 la band è stata premiata con il 1 Live Krone per il miglior spettacolo dal vivo . [75] La band ha anche ricevuto il Premio degli autori musicali tedeschi 2013 nella categoriaComposizione rock/pop e lavoro di maggior successo per giornate come queste . [76] La band ha ricevuto il German Radio Prize 2013 ad Amburgo per il lavoro di una vita . [77]

Impegno sociale

Attività politiche

La band Die Toten Hosen ha ripetutamente sostenuto pubblicamente varie organizzazioni politiche e sociali con musica, parole e sostegno finanziario e ha preso parte alle loro attività. Tuttavia, i membri della band hanno ripetutamente affermato che non saranno coinvolti nella politica di partito. Ad esempio, hanno rifiutato una richiesta dell'SPD di scrivere una canzone per la loro campagna elettorale europea del 1994 . [78] Nell'agosto 2013, la band ha bloggato su Facebook contro l'uso della loro canzone Days Like These alle manifestazioni elettorali. La band Die Toten Hosen prende espressamente le distanze dai contenuti ivi pubblicizzati. [79]

Il 27 luglio 1986, la band si esibì all'Anti-WAAhnsinns Festival di Burglengenfeld davanti a oltre 100.000 persone per manifestare insieme a Herbert Grönemeyer , Udo Lindenberg , Marius Müller-Westernhagen , BAP e i Rodgau Monotones contro la costruzione dell'impianto di ritrattamento là. [80]

Nel 1991 è apparsa sul campionatore Nazis raus! con il titolo Fünf vor Zwölf [81] e ha sostenuto la campagna " Kein Bock auf Nazis " della band ZSK nel 2006 . [82] Nel 1992 all'Hofgarten di Bonn, la band ha preso parte a una manifestazione contro la xenofobia e si è esibita insieme a Herbert Grönemeyer, Nina Hagen e altri davanti a quasi 200.000 compagni manifestanti. Nel 1995 ha sostenuto Greenpeace , Medici contro la guerra nucleare , Action Atomteststop, il BUND ed è stata rappresentata con il pezzo Tout Pour Sauver L'Amour sul loro campionatore Stop Chirac .[83]

La band ha attirato l'attenzione quando ha posato nudi sui manifesti dell'organizzazione per la protezione degli animali PETA nel 2002 secondo il motto: "Meglio nudi che in pelliccia". [84] Inoltre, nel 2005 hanno finanziato il campionatore On the Run del gruppo per i diritti umani Pro Asyl e vi sono stati rappresentati con il titolo Meine Stadt . [85] Il 2 luglio 2005, la band accettò l'invito di Bob Geldof e prese parte al Live 8 Festival di Berlino. [86]

Michael Breitkopf, Campino, Bob Geldof, Rostock, 7 giugno 2007

Insieme a Herbert Grönemeyer, i Fantastischen Vier , Bono , Bob Geldof e altri, la band Die Toten Hosen ha preso parte al concerto all'aperto Your Voice Against Poverty . Il concerto faceva parte dell'azione di protesta contro il G8 di Heiligendamm e si è svolto il 7 giugno 2007 a Rostock davanti a 80.000 spettatori. La band si è schierata con la campagna Move Against G8 ed è apparsa nel campionatore omonimo con una registrazione dal vivo della canzone Pushed Again . [87] Nella primavera del 2007, una parte della band ha viaggiato sotto la direzione dell'organizzazione di aiuto allo sviluppo Oxfam per avere un'idea personale delle condizioni di vita delle persone in Africain Malawi , Zambia e Uganda . Erano accompagnati da Hella Wenders , che ha realizzato un breve documentario sul soggiorno di diverse settimane. [88]

Durante i concerti del tour 2008/2009, la band, insieme a Oxfam, ha raccolto più di 50.000 firme per un aumento degli aiuti allo sviluppo, che hanno consegnato al ministro Heidemarie Wieczorek-Zeul il 3 luglio 2009 . Le richieste associate all'azione includono, tra le altre cose, che la Germania debba aumentare i suoi aiuti allo sviluppo annuali di 2,7 miliardi di euro per fornire lo 0,51 percento dell'RNL promesso per gli aiuti allo sviluppo entro il 2010. [89] Nel dicembre 2014, la band ha partecipato alla versione tedesca della canzone Do They Know It's Christmas? in aiuto della raccolta fondi per combattere l' epidemia di Ebola in alcune parti dell'Africa occidentale .

Il 6 dicembre 2014 la band ha accettato l'invito dell'Ambasciata tedesca in Myanmar e ha tenuto un concerto gratuito a Rangoon davanti a 6.000 visitatori birmani in occasione del 60° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Myanmar e Germania . [90]

In tre serate di concerti nella Tonhalle di Düsseldorf nell'ottobre 2013, la band Die Toten Hosen, in collaborazione con l'orchestra della Robert Schumann Hochschule Düsseldorf , ha commemorato la denigrazione della cosiddetta musica degenerata da parte dei nazionalsocialisti a partire dal 1938. [91] Nell'ottobre 2014 la band muore Medaglia Josef Neuberger assegnata dalla comunità ebraica di Düsseldorf. [92] Nell'ottobre 2015 è stata pubblicata una compilation delle serate di concerti come doppio album intitolato Degenerate Music - Welcome to Germany .

Il 3 settembre 2018 Die Toten Hosen ha tenuto un concerto contro la xenofobia e la violenza di destra insieme a Casper , Feine Sahne Fischfilet , KIZ , Kraftklub , Trettmann , Nura e Marteria , organizzato con il motto “ Siamo di più ” dopo il rivolte a Chemnitz . La città di Chemnitz stima che siano arrivati ​​circa 65.000 visitatori. [93]

Nel novembre 2019, la band ha ricevuto il Premio Julius Hirsch , donato dalla Federcalcio tedesca , per il loro impegno nella lotta all'antisemitismo . [94]

Rapporti con la città natale di Düsseldorf

Lapide dell'ex roadie Uwe Faust presso la tomba comune della band
Tomba comunitaria al Düsseldorf Südfriedhof 2016

Nel corso della sua storia, la band Die Toten Hosen ha espresso il proprio attaccamento alla loro città natale di Düsseldorf attraverso varie attività. Nell'estate del 1995, la band, insieme a una parte del Düsseldorfer EG , giocò una partita di hockey su ghiaccio contro i Leningrad Cowboys , supportati dalla nazionale finlandese , al "Powerplay of Madness" sulla Brehmstraße di Düsseldorf . Sotto il nome della squadra "Bone Crusher Düsseldorf" hanno perso di poco 10:11. Da gennaio 2012, la band sostiene il club di hockey su ghiaccio DEG di Düsseldorf, in difficoltà finanziarie, e, in un ruolo pionieristico, ha acquistato un cosiddetto "Bekennerpaket" che include, tra le altre cose, posti nella classe superiore per tutte le partite casalinghe del Cupola della ISScontiene. [95] È stata progettata anche una maglia da riscaldamento giallorossa, con la scritta Alles aus Liebe e lo stemma del teschio e delle ossa incrociate della band. Tutti i proventi della vendita delle maglie vanno al club. [96]

Nel 1996, la band si è infilata in abiti da donna, calze di seta e scarpe col tacco alto e ha preso parte alla sfilata di carnevale di Düsseldorf con il proprio carro all'insegna del motto "Seppelliamo il buon gusto". Nel 2018 i musicisti hanno preso parte nuovamente al corteo carnevalesco in costumi colorati su un carro con la scritta "Laune der Natur". [97]

I membri della band sono fan della squadra di calcio Fortuna Düsseldorf . Alla fine degli anni '80, hanno aiutato il club a finanziare l'acquisto del giocatore Anthony Baffoe con una donazione di 200.000 DM . [98] Hanno sponsorizzato il club dal 2001 al 2003 quando stava attraversando grandi difficoltà finanziarie. Nel 2002, la band ha stipulato un contratto pubblicitario con il birrificio Diebels e ha trasferito il ricavato ai giovani del club, che indossano il logo del teschio e delle ossa incrociate della band sulle loro maglie. [99] [100] Il 20 ottobre 2012 i musicisti sono stati nominati membri onorari dell'associazione. [101]

I membri della band Die Toten Hosen hanno affittato un cimitero per 17 persone nel Südfriedhof di Düsseldorf, dove loro e i loro amici più cari vogliono essere sepolti. [102] L'ex roadie della band Uwe Faust è stato sepolto lì nel 2009 , il manager Jochen Hülder nel 2015 [103] e Wolfgang Rohde nel 2016. [104]

Nel novembre 2018, i membri della band Die Toten Hosen sono stati premiati come "Düsseldorfer of the Year" per il lavoro di una vita. "Nel corso della sua storia, la band Die Toten Hosen ha espresso il proprio attaccamento alla loro città natale di Düsseldorf attraverso varie attività", è stata la spiegazione ufficiale della giuria. [105]

Letteratura (selezione)

link internet

Commons : Die Toten Hosen  – album con immagini, video e file audio

voci

  1. ^ a b Grafici ufficiali tedeschi. Bundesverband Musikindustrie , recuperato il 10 aprile 2019 .
  2. ^ Philipp Oehmke : Die Toten Hosen - All'inizio c'era del rumore . Rowohlt Verlag GmbH, Reinbek vicino ad Amburgo 2014, ISBN 978-3-498-07379-4 , pagina 151.
  3. Bertram Job : I Toten Hosen raccontano la loro storia. pagina 70.
  4. Kurt Koelsch: Pantaloni morti nella città eterna . Fachblatt Musikmagazin , Numero 11, novembre 1983.
  5. ^ Teddy Hoersch: Ex-Mattatoio Tote Hosen . Musikexpress , Numero 11, novembre 1983, p.40.
  6. Thomas Winkler: Ho tutto nel cuore. taz , 10 aprile 2013, recuperato il 22 febbraio 2013 .
  7. Bertram Job : Ad oltranza... I Die Toten Hosen raccontano la loro storia . Kiepenheuer & Witsch, Colonia 1996, ISBN 3-462-02532-5 . pp. 80-81.
  8. a b Rivista per il tour People, Animals, Sensations , Universa Medien Verlags GmbH, Dortmund 1992.
  9. Bertram Job: Ad oltranza... I Die Toten Hosen raccontano la loro storia . Kiepenheuer & Witsch, Colonia 1996, ISBN 3-462-02532-5 , pagina 91.
  10. ^ Karl May: La vita come i Toten Hosen in Francia . In: Musica Espresso . No. 5 , 1984, pag. 70-72 .
  11. Bertram Job: Ad oltranza... I Die Toten Hosen raccontano la loro storia . Kiepenheuer & Witsch, Colonia 1996, ISBN 3-462-02532-5 , pagina 94.
  12. ^ Christoph Genditzki: Programma di giovedì 25 ottobre 1984. tvprogramme.net, recuperato il 3 marzo 2013 .
  13. Bertram Job: I Toten Hosen raccontano la loro storia. pagina 160.
  14. Hollow Skai : I pantaloni morti . Annibale, A-Höfen 2007, ISBN 978-3-85445-281-2 , pagina 28.
  15. La hit parade austriaca e il portale musicale. austriancharts.at, recuperato il 3 marzo 2013 .
  16. Edgar Klüsener: Un po' di spettacolo horror - Con i Toten Hosen attraverso la Lituania. In Metal Hammer , Numero 11/1988, pp. 122–123.
  17. ^ Volkard Steinbach: Bonn, Biscuit Halle , Musikexpress, numero 5, maggio 1989, pp. 67–68.
  18. ^ Edgar Klüsener: Die Toten Hosen – Imparare l'inglese per primo. Il punk rock sopravvive in Toten Hosen , Metal Hammer, Numero 1, gennaio 1992, pp. 32–35.
  19. 20 anni Live Music Hall di Colonia. Kölner Stadtanzeiger , recuperato il 22 febbraio 2013 .
  20. ^ Fryderyk Gabowicz : Die Toten Hosen. Live Backstage Studio: Fotografie 1986–2006 . Schwarzkopf & Schwarzkopf, Berlino 2006, ISBN 3-89602-732-8 , pp. 44–46.
  21. EK: The Toten Hosen in the GDR ... - Un caos indescrivibilmente grande ... In Metal Hammer, numero di settembre 1990, pp. 142-143.
  22. ^ Jürgen Seibold , Musica VIP: Die Toten Hosen . Paul Zsolnay Verlag , Vienna 1992, ISBN 3-552-05005-1 , pagina 56.
  23. ^ taz, numeri 11-30/giugno 1990 e 2-8/luglio 1990.
  24. ^ a b Database Oro/Platino. Bundesverband Musikindustrie (ricerca richiesta), recuperato il 24 febbraio 2013 .
  25. Bertram Job: Ad oltranza... I Die Toten Hosen raccontano la loro storia . Kiepenheuer & Witsch, Colonia 1996, ISBN 3-462-02532-5 , pagina 264.
  26. Markus Hartmann: Die Toten Hosen – Comprami! in Zillo, numero di maggio 1993, pp. 15–17.
  27. ^ Maria Kajzer: Radio Gaga - Die Toten Hosen come DJ . Musikexpress, Numero 10, ottobre 1995, pp. 18–19.
  28. Kai Jessen: Die Toten Hosen – Forever Punk! Wilhelm Heyne Verlag , Monaco di Baviera 1997, ISBN 3-453-12889-3 , pagina 97.
  29. ^ Bernd Mertens: Punk e profitto in giorni come questi. Wirtschaftswoche , 8 giugno 2012, recuperato il 15 gennaio 2015 .
  30. Sandra Sauer: SWR3 ha le Stelle - Intervista a Campino , SWR3 Club Magazin, n. Febbraio 2000, pp. 10-15
  31. ^ DJ Vogel: Die Toten Hosen . The Wharschauer , edizione autunno 2002.
  32. Trasporti nucleari - Wat'n effort . In: Lo specchio . No. 13 , 1998 ( in linea ).
  33. Hollow Skai: i pantaloni morti . Annibale, A-Höfen 2007, ISBN 978-3-85445-281-2 , pagina 62.
  34. Joachim Lucchesi: Brandauer mette in scena L'Opera da tre soldi di Brecht & Weill . Suhrkamp, ​​Francoforte sul Meno 2006, ISBN 978-3-518-45807-5 .
  35. ^ TV Smith con Vom Ritchie nel tour "Overload disinformazione". (Non più disponibile online.) Die Toten Hosen, 2006, archiviato dall'originale il 10-01-2010 ; recuperato il 20 ottobre 2013 .
  36. ^ Tour "Machmalauter" 2008. Die Toten Hosen, 9 novembre 2008, recuperato il 25 marzo 2018 .
  37. ^ Come i Toten Hosen conquistano l'Argentina, rapporto dpa su Welt Online del 30 aprile 2009.
  38. ^ Die Toten Hosen inizia il tour con la prima di Mosca. Focus Online , 3 maggio 2009, recuperato il 25 febbraio 2013 .
  39. Foto - L'anno 2010. Die Toten Hosen, consultato il 27 aprile 2016 .
  40. Numero uno per la nazionale. (Non più disponibile online.) WDR 2 , 21 giugno 2012, archiviato dall'originale il 24 giugno 2012 ; recuperato il 27 ottobre 2013 .
  41. huepfmaus: Foto: Die Toten Hosen (concerto per l'anniversario) – Schlachthof, Brema. musica del locale , 10 aprile 2012, recuperata il 22 ottobre 2013 .
  42. ^ The Magical Mystery Tour Diary 2012. Die Toten Hosen, consultato il 26 novembre 2015 .
  43. Congratulazioni! I Tote Hosen sono ora cittadini onorari di Buenos Aires. Express.de , 25 settembre 2012, recuperato il 24 maggio 2015 .
  44. ^ DTH en Argentina 2012. Die Toten Hosen, 7 settembre 2012, accesso 25 marzo 2018 .
  45. Dusseldorf fine tour – Tote Hosen giocherà due partite casalinghe alla fine. Die Welt , 11 ottobre 2013, recuperato il 27 novembre 2015 .
  46. Volker Isfort: Laune der Natur - AZ intervista a Campino sul nuovo album dei Toten Hosen. Abendzeitung , 30 aprile 2017, recuperato il 5 maggio 2017 .
  47. dpa: Su un palco: Die Toten Hosen, Polt e i fratelli Well. focus , 6 luglio 2017, recuperato il 24 luglio 2017 .
  48. Apa : Die Toten Hosen conquista la Wiener Konzerthaus. Salzburger Nachrichten , 8 luglio 2017, recuperato il 25 luglio 2017 .
  49. Timo Frasch: Gerhard Polt e Toten Hosen – La gente viene solo per cantare. FAZ , 11 luglio 2017, recuperato il 24 luglio 2017 .
  50. capriccio della natura. Die Toten Hosen, 2018, accesso 8 gennaio 2019 .
  51. ^ I Die Toten Hosen suonano per la prima volta in Cina e vengono censurati . In: Rolling Stone . 23 aprile 2018 ( rollingstone.de [accesso il 24 aprile 2018]).
  52. dpa: "Con tamburi e trombe": cover dei Die Toten Hosen dei Rammstein. Süddeutsche Zeitung , 14 luglio 2019, recuperato il 26 ottobre 2019 .
  53. Die Toten Hosen cancella completamente il tour. Stuttgarter Zeitung , 20 maggio 2020, recuperato il 4 gennaio 2021 .
  54. ^ Nuovo album per il Mersey Beat – Tote Hosen viaggia a Liverpool negli anni '60. ZDF , 13 novembre 2020, recuperato il 4 gennaio 2021 .
  55. Südwest Presse Online-Dienste GmbH: The Toten Hosen Tour 2022: Tutto per amore: date, biglietti, ospiti come supporto. 26 maggio 2022, recuperato il 20 giugno 2022 .
  56. ^ Jürgen Seibold, Musica VIP: Die Toten Hosen . Paul Zsolnay Verlag, Vienna 1992, ISBN 3-552-05005-1 , pagina 24.
  57. Die Toten Hosen: Ad oltranza - Il libro dei canti con tutti i testi e tutte le canzoni . Bosworth 2017, ISBN 978-3-86543-980-2 .
  58. Jan Weiler : Bambini, come vola il tempo... Il racconto dei Toten Hosen - Jan Weiler ascolta 1982-2007 . Libretto di accompagnamento alla nuova edizione 2007, episodio 1: Opel-Gang .
  59. Andrea Müller: Die Toten Hosen – Punkrock made in Germany. 2a edizione. Econ Verlag, Düsseldorf 1996, ISBN 3-612-12006-9 , pagina 21.
  60. Thomas Klie : Opium for the people - Tempo di sogno promesso nel divertente punk dei Toten Hosen. Pubblicazione su "Loccumer Pelikan", rivista di educazione religiosa per scuole e comunità, 1/1997. pp. 24-27.
  61. Hartmut Fladt : Il conoscitore della musica - Cosa proviamo quando ascoltiamo . Aufbau Verlag, Berlino 2012, ISBN 978-3-351-02753-7 , pagina 236.
  62. ^ Jürgen Seibold, Musica VIP: Die Toten Hosen . Paul Zsolnay Verlag , Vienna 1992, ISBN 3-552-05005-1 , pp. 51–52.
  63. ^ Fryderyk Gabowicz: Die Toten Hosen. Live Backstage Studio: Fotografie 1986–2006. Schwarzkopf & Schwarzkopf, Berlino 2006, ISBN 3-89602-732-8 , pagine 178–181.
  64. Gli host morti vivono più a lungo . In: Kerrang , febbraio 1994.
  65. Peter Wagner: Disaster Command - Dal monastero alla prigione . In: Musikexpress , agosto 1993, pp. 34–39.
  66. ^ Stern, numero 28/1993.
  67. ^ DVD Friss oder die , Capitolo 5, Non dormire fino a Pirmasens .
  68. I Die Toten Hosen si esibiscono per SO36 . In: Der Tagesspiegel , 3 settembre 2009.
  69. Gli Hosen danno un concerto improvvisato. n-tv , 6 giugno 2012, recuperato il 26 febbraio 2013 .
  70. ^ Rock am Turm a Meerbusch. (Non più disponibile online.) Die Toten Hosen, 24 maggio 2004, archiviato dall'originale il 25 giugno 2009 ; recuperato il 20 ottobre 2013 .
  71. Riscaldati! (Non più disponibile online.) Die Toten Hosen, 2008, archiviato dall'originale il 12 aprile 2008 ; recuperato il 20 ottobre 2013 .
  72. ^ Arne Willander: Premi 'Echo': Cinque pantaloni e un panda. Rolling Stone , 22 marzo 2013, recuperato il 4 novembre 2013 .
  73. ^ I vincitori del premio ECHO 2014. Das Erste , 28 marzo 2014, accesso 26 novembre 2015 .
  74. ECHO 2018: Die Toten Hosen e Beatsteaks fanno chiarezza. Rock Antenna , 13 aprile 2018, recuperato il 9 giugno 2018 .
  75. I candidati. (Non più disponibile online.) 1 Live , 5 dicembre 2013, archiviato dall'originale il 25 giugno 2013 ; recuperato il 17 dicembre 2013 .
  76. I vincitori del German Music Author Prize 2013. www.musikautorenpreis.de, 26 aprile 2013, recuperato il 27 agosto 2018 .
  77. I vincitori del German Radio Prize 2013. www.deutscher-radiopreis.de, 5 settembre 2013, recuperato il 26 novembre 2015 .
  78. Bertram Job: I Toten Hosen raccontano la loro storia. pagina 182.
  79. In tempi come questi. SWR , 29 agosto 2013, recuperato il 30 agosto 2013 .
  80. ^ Conny Schnabel: il decollo dei Die Toten Hosen . Scena musicale , numero 10, ottobre 1986.
  81. Fuori i nazisti! musik-sammler.de, recuperato il 4 novembre 2013 .
  82. Niente soldi per i nazisti. ZSK , recuperato il 4 novembre 2013 .
  83. Vari - Ferma Chirac. Discogs , recuperato l'8 ottobre 2017 .
  84. Meglio nuda che in pelliccia. PETA , recuperato il 26 novembre 2015 .
  85. Varie - Pro Asylum in fuga. Discogs, recuperato l'8 ottobre 2017 .
  86. ^ Wolfgang Höbel , Martin Wolf: Il gusto non conta . In: Lo specchio . No. 26 , 2005, pag. 136 ( in linea ).
  87. Mathias Möller: Muoviti contro il G8 - pantaloni, eroi e hip hopper vanno di pari passo. laut.de , 4 maggio 2007, recuperato l'8 ottobre 2017 .
  88. ^ DTH in Africa. Die Toten Hosen, 16 agosto 2012, recuperato il 25 marzo 2018 .
  89. ^ Incontro del W8 con Heidemarie Wieczorek-Zeul. Oxfam , 3 luglio 2009, recuperato il 26 novembre 2015 .
  90. Julia Kluthe: Die Toten Hosen dal vivo in Myanmar: foto e video. Rolling Stone, 8 dicembre 2014, recuperato l'8 ottobre 2017 .
  91. Michael Pilz: Campino gracchia contro il male nella musica. Die Welt , 21 ottobre 2013, recuperato il 21 ottobre 2013 .
  92. Zlatan Alihodzic: Campino nella sinagoga - la comunità ha onorato Toten Hosen e il pianista Thomas Leander con la Medaglia Josef Neuberger. Jüdische Allgemeine , 12 ottobre 2014, recuperato il 23 gennaio 2018 .
  93. Ulf Lüdeke: La città respira profondamente - "Noi siamo di più": 65.000 persone mostrano "l'altro volto di Chemnitz" al concerto. Focus , 4 settembre 2018, recuperato il 5 settembre 2018 .
  94. SZ: Premio Julius Hirsch della Federcalcio tedesca per il Toten Hosen. 19 novembre 2019, recuperato il 19 novembre 2019 .
  95. Alexander Schulte: Breiti: 'DEG è importante quanto Fortuna'. Westdeutsche Zeitung , 16 gennaio 2012, recuperato il 27 novembre 2015 .
  96. La band punk aiuta i DEL club in difficoltà . In: Sponsor . Edizione febbraio 2012. Sponsor Verlag, 2012, ISSN  1432-8925 , p. 9 .
  97. Dieter Sieckmeyer: Lunedì grasso a Düsseldorf: "Tote Hosen" materia segreta come caramella del treno. Westdeutsche Zeitung, 12 febbraio 2018, recuperato il 13 febbraio 2018 .
  98. ^ Jürgen Seibold, Musica VIP: Die Toten Hosen . Paul Zsolnay Verlag, Vienna 1992, ISBN 3-552-05005-1 , pagina 69.
  99. Hollow Skai: i pantaloni morti . Annibale, A-Höfen 2007, ISBN 978-3-85445-281-2 , pagina 165.
  100. ^ Die Toten Hosen e Diebels aiutano Fortuna Düsseldorf. Horizon , 13 giugno 2001, recuperato il 27 novembre 2015 .
  101. Se lo meritano! La fortuna onora Toten Hosen. n-tv, 20 ottobre 2013, recuperato il 27 novembre 2015 .
  102. ^ Bernd Bruns: I 'Toten Hosen' hanno già prenotato la loro fossa comune per precauzione. www.postmortal.de, 2002, accesso 26 febbraio 2013 .
  103. RP ONLINE: Düsseldorf: La tomba speciale del Toten Hosen. Estratto il 19 settembre 2019 .
  104. RP ONLINE: Servizio funebre a Düsseldorf: Die Toten Hosen porta Wölli alla tomba. Estratto il 19 settembre 2019 .
  105. Dusseldorfer dell'anno: Die Toten Hosen, rock band, 2018, il lavoro di una vita. Estratto il 5 agosto 2021 .