Gerhard Lehmbruch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Gerhard Lehmbruch ( Königsberg , 15 aprile 1928Tubinga , 12 giugno 2022 ) è stato uno scienziato politico tedesco .

Vita e lavoro [ modifica | modifica sorgente ]

Gerhard Lehmbruch è nato come il maggiore di tre figli del pastore protestante Werner Lehmbruch e di sua moglie Erna, nata Müller. È cresciuto nella Prussia orientale Klein-Dexen fino all'età di sei anni , prima che la famiglia si trasferisse a Rehhof della Prussia occidentale vicino a Marienwerder . Dopo un breve servizio militare nell'inverno e nella primavera del 1945, Lehmbruch conseguì il diploma di scuola superiore a Weferlingen nel 1947 e iniziò a studiare teologia e filosofia protestanti presso il Church College di Berlino-Zehlendorf . Dopo essersi trasferito alle Università di Gottinga eTubinga completò i suoi studi a Berlino nel 1952 con il primo esame di servizio ecclesiastico. Ha poi frequentato l' Università di Basilea per un anno come post-laurea . [2]

Dal 1953 al 1954 Lehmbruch è stato assistente di ricerca presso la cattedra di scienze politiche del professor Theodor Eschenburg all'Università di Tubinga. Ha poi studiato scienze politiche, storia dell'Europa orientale e sociologia a Parigi e Tubinga dal 1954 al 1959 . Nel 1962 ha conseguito il dottorato a Tubinga con una tesi sul sistema dei partiti francesi . Dal 1960 al 1967 è stato assistente di ricerca presso l'Università di Tubinga. Lì fu abilitato cumulativamente nel 1969 in scienze politiche , tenendo conto, tra l'altro, del documento Proporzdemokratie del 1967. [3]

Dal 1969 al 1973 ha ricoperto la carica di consulente scientifico e professore presso l' Università di Heidelberg prima di tornare all'Università di Tubinga nel 1973. Lì successe a Theodor Eschenburg nella sua cattedra di scienze politiche. Nel 1978 Lehmbruch è stato nominato alla Cattedra di Teoria dello Stato Materiale presso l' Università di Costanza , dove è rimasto fino al suo pensionamento nel semestre estivo del 1996. Nel 1990 ha anche ricoperto la Cattedra di Theodor Heuss presso la New School for Social Research di New York . Dal 1991 al 1994 è stato presidente dell'Associazione tedesca per le scienze politiche .

Le principali aree di ricerca di Lehmbruch sono state le istituzioni , i sistemi di controllo politico e lo sviluppo politico a confronto, le forme di democrazia negoziale e mediazione di interesse politico, ovvero i rapporti tra agenzie statali e gruppi di interesse. I temi centrali erano il ruolo della condivisione del potere e dei compromessi politici; in particolare, il concetto di democrazia consociativa risale a Lehbruch. Nel 1976 ha pubblicato l' opera standard “ La competizione tra i partiti nello stato federale ” sull'interazione tra le istituzioni federali e la competizione tra i partiti nella Repubblica federale di Germania . [4]In questo libro, Lehmbruch ha spiegato per la prima volta la cosiddetta tesi della frattura strutturale . [5]

Lehmbruch ha ricevuto numerosi riconoscimenti scientifici e iscrizioni per la sua ricerca. Lehmbruch è stato membro onorario dell'Associazione svizzera di scienze politiche (2002) e della Società austriaca di scienze politiche (2003). [6] Nel 2003 è stato insignito del Premio Theodor Eschenburg dall'Associazione tedesca per le scienze politiche per il lavoro di una vita . [7] Nel 2009 ha ricevuto il Lifetime Achievement Award dall'European Consortium for Political Research . [8] In occasione del suo 85° compleanno si tenne un simposio. I post sono stati pubblicati nel 2015. [9]Gli studenti accademici di Lehmbruch includono Manfred G. Schmidt , Klaus Armingeon , Roland Czada e Edgar Grande .

Lehmbruch era sposato dal 1967. La coppia aveva due figlie adulte.

Caratteri (selezione) [ Modifica | modifica sorgente ]

monografie

  • Piccola guida allo studio dell'ideologia sovietica. Bonn 1958.
  • Il Mouvement Républicain Populaire nella IV Repubblica. Il processo di formazione della volontà politica in un partito francese. A cura di Thomas Ertman, Philip Manow. Nomos, Baden-Baden 2016 (originariamente come phil. diss., Tübingen 1962, duplicazione dattiloscritta).
  • democrazia proporzionale. Sistema politico e cultura politica in Svizzera e Austria . Mohr Siebeck, Tubinga 1967.
  • Introduzione alle scienze politiche. 4a edizione, Kohlhammer, Stoccarda 1971, ISBN 3-17-001255-X .
  • Gara di partito nello stato. Kohlhammer, Stoccarda 1976, ISBN 3-17-002798-0 .
  • Gara di partito nello stato. Sistemi di controllo e tensioni nel sistema politico della Repubblica Federale Tedesca. 3a edizione aggiornata e ampliata, Westdeutscher Verlag, Wiesbaden 2000, ISBN 3-531-43126-9 .
  • democrazia negoziale. Contributi alla teoria del governo comparato. Editori della Germania occidentale, Wiesbaden 2003, ISBN 3-531-14134-1 .
  • Memorie di un "quarantacinque". Un giovane sotto la svastica sullo sfondo di una storia familiare nel Brandeburgo e nella Prussia orientale. Pubblicazioni speciali dell'Associazione per la ricerca sulla famiglia nella Prussia orientale e occidentale e. V., autopubblicato dall'associazione, Amburgo 2021, ISBN 978-3-931577-88-9 .

Redazioni

  • Unificazione e disintegrazione: Germania ed Europa dopo la fine del conflitto Est-Ovest. 19° Congresso Scientifico dell'Associazione Tedesca di Scienze Politiche, Leske + Budrich, Opladen 1995, ISBN 3-8100-1365-X .
  • con Klaus von Beyme , Iring Fetscher : Sistema democratico e pratica politica della Repubblica Federale. Piper, Monaco di Baviera 1971, ISBN 3-492-01844-0 .

Letteratura [ modifica | modifica sorgente ]

  • Roland Czada, Manfred G. Schmidt (a cura di): Democrazia negoziale, mediazione degli interessi, governabilità. Festschrift per Gerhard Lehmbruch. Editori della Germania occidentale, Wiesbaden 1993, ISBN 3-531-12473-0 .
  • Florian Hartleb : Philippe C. Schmitter/Gerhard Lehmbruch (a cura di): Tendenze verso l'intermediazione corporativa, Londra 1979. In: Steffen Kailitz (a cura di): Opere chiave di scienze politiche. VS Verlag, Wiesbaden 2007, ISBN 3-531-14005-1 , pp. 437-441.
  • Ludger Helms: Gerhard Lehmbruch, concorso di partito nello stato federale, Stoccarda e altri. 1976. In: Steffen Kailitz (a cura di): Opere chiave di scienze politiche. VS Verlag, Wiesbaden 2007, pp. 233-236.
  • Clemens Jesenitschnig: Gerhard Lehmbruch - scienziati e lavoro. Una valutazione critica Tectum, Marburgo 2010, ISBN 978-3-8288-2509-3 . [10]
  • Stefan Köppl, Tobias Nerb: Associazioni come partner di dialogo nello stato cooperativo: Gerhard Lehmbruch. In: Martin Sebaldt , Alexander Straßner (a cura di): I classici della ricerca associativa. VS Verlag, Wiesbaden 2006, pp. 289-301.
  • Philip Manow: Pratico, democratico, buono. Il politologo Gerhard Lehmbruch nel suo ottantesimo. In: Frankfurter Allgemeine Zeitung , 14 aprile 2008, n. 87, p. 38.
  • Anton Pelinka: Gerhard Lehmbruch e la scienza politica austriaca. In: Rivista austriaca di scienze politiche . Vol. 32, 2003, Numero 2, pp. 213-216.
  • Rainer-Olaf Schultze : Gerhard Lehmbruch. In: Gisela Riescher (a cura di): La teoria politica del presente nelle rappresentazioni individuali. Da Adorno a Young (= edizione tascabile di Kröner . Volume 343). Kröner, Stoccarda 2004, ISBN 3-520-34301-0 , pp. 278–282.

Collegamenti Web [ modifica | modifica sorgente ]

Note [ Modifica | modifica sorgente ]

  1. Cfr. Clemens Jesenitschnig: Gerhard Lehmbruch - scienziati e lavoro . Marburgo 2010, pp. 36–49.
  2. Cfr. Clemens Jesenitschnig: Gerhard Lehmbruch - Scienziati e lavoro. Marburgo 2010, pagina 50 segg.
  3. Cfr. Clemens Jesenitschnig: Gerhard Lehmbruch - scienziati e lavoro . Marburgo 2010, pp. 57–60 e 69–84.
  4. Cfr. Clemens Jesenitschnig: Gerhard Lehmbruch - Scienziati e lavoro. Marburgo 2010, pagina 64.
  5. Cfr. Clemens Jesenitschnig: Gerhard Lehmbruch - Scienziati e lavoro. Marburgo 2010, pp. 103–144.
  6. Cfr. Clemens Jesenitschnig: Gerhard Lehmbruch - Scienziati e lavoro. Marburgo 2010, pagina 206.
  7. ^ Manfred G. Schmidt : Laudatio: Assegnazione del Premio Theodor Eschenburg al Prof. Dr. Gerhard Lehmbruch il 25 settembre 2003 al congresso dell'Associazione tedesca di scienze politiche a Magonza. In: Political Quarterly Journal 44 (2003) pp. 572-580.
  8. Vincitori del Premio ECPR dell'Achievement Award del Consorzio Europeo per la Ricerca Politica.
  9. ^ Volker Schneider, Burkard Eberlein (a cura di): Democrazia complessa. Varietà, crisi e trasformazioni. Cham 2015.
  10. Cfr. le recensioni di Sven Leunig nel PW Portal for Political Science e di Wilhelm Bleek nel Political Quarterly Journal (PDF) .