Giacarta

Questo è un articolo eccellente che vale la pena leggere.
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Jakarta [ dʒaˈkarta ] (scritto Djakarta fino alla riforma dell'ortografia indonesiana del 1972 ) è la capitale della Repubblica dell'Indonesia . Con 10,04 milioni di abitanti (2018) [3] nella città attuale, è la città più grande del sud-est asiatico e con circa 34 milioni di abitanti (2019) [2] nella regione metropolitana di Jabodetabek , è la seconda conurbazione più grande del mondo. Il capoluogo ha lo status di provincia ed è governato da un governatore. Ufficialmente, la città è elencata sotto Daerah Khusus Ibu Kota Jakarta (Jakarta Special Capital Region).

Giacarta è il centro politico, economico e culturale del paese, nonché uno snodo dei trasporti con università, college, teatri e musei. La popolazione della città è varia, con persone di origine malese , araba , indiana , olandese e cinese che vivono lì.

geografia

Posizione

Centro di Giacarta

La città si trova nella baia di Jakarta ( in indonesiano : Teluk Jakarta ) sulla costa nord-occidentale dell'isola di Giava , alla foce del fiume Ciliwung , a una media di otto metri sul livello del mare . L'area urbana è pianeggiante e ha una superficie di 661,52 km². L'area circostante è utilizzata per l'agricoltura e la foresta pluviale tropicale si trova in posizioni favorevoli.

Nella baia di Giacarta si trova l'arcipelago appartenente alla città di Kepulauan Seribu (inglese "Mille isole"). Le 105 isole, situate a 45 km a nord della città, hanno una superficie di 11,8 km². Il parco nazionale marino è utilizzato per la ricreazione della popolazione.

La regione metropolitana di Jabodetabek ha una superficie di 7315 km² e, oltre alla capitale Giacarta, comprende le città di Bekasi , Bogor , Depok e Tangerang oltre ai distretti amministrativi di Bekasi , Bogor e Tangerang .

geologia

La struttura geologica dell'isola di Giava, su cui si trova Giacarta, è determinata principalmente da materiale vulcanico. Solo una piccola parte dell'area è costituita da rocce più antiche, più di due terzi sono ricoperti da depositi vulcanici: ceneri, tufi e lave di eruzioni più giovani e più antiche. La restante parte è costituita da sedimenti terziari .

L'isola si trova nel punto dell'arco della Sonda dove è stato più intenso lo sgretolamento della crosta terrestre, il sottosuolo antico più devastato e oggi è in gran parte sommerso sotto il livello del mare del Mar di Giava. Molti vulcani sono ancora attivi oggi. Le loro ceneri vengono portate lontano attraverso il paese e formano un fertilizzante minerale costantemente efficace. O viene registrata la caduta diretta di cenere o le masse vulcaniche sciolte vengono trasportate e depositate dai fiumi.

Al tempo della colonia olandese, Giacarta era ben al di sopra del livello del mare, ma da allora è notevolmente diminuita . Oggi, l'acqua di mare deve essere pompata fuori dalla città. Per salvare Giacarta dall'imminente sommersione è stato sviluppato il "Piano generale per lo sviluppo costiero integrato e della capitale nazionale". Nel gennaio 2022 governo e parlamento hanno deciso di costruire una nuova capitale nell'isola del Borneo [4] , che dovrebbe chiamarsi Nusantara [5] [6] .

contorno della città

borgate
Inondazioni nel nord di Giacarta nel febbraio 2002
Stazione di Gambir nel centro di Giacarta

Ufficialmente Giacarta non ha lo status di città ma di provincia con lo status speciale di capitale dell'Indonesia. Pertanto, al posto di un sindaco, governa un governatore.

La provincia di Giacarta è divisa in cinque unità amministrative (Kota Administrasi) : North Jakarta (Jakarta Utara) , East Jakarta (Jakarta Timur) , South Jakarta (Jakarta Selatan) , West Jakarta (Jakarta Barat) e Central Jakarta (Jakarta Pusat) , ciascuno con un sindaco al vertice e un distretto di governo ( Kabupaten ) per l'arcipelago di Kepulauan Seribu nella baia di Giacarta, con un reggente ( Bupati ) come capo.

Le città sono divise in distretti ( kecamatan ) , comunità ( kelurahan ) , aree residenziali (rukun warga) e quartieri (rukun tetangga) .

Giacarta settentrionale

Il nord di Giacarta si trova direttamente sul Mar di Giava ed è suddiviso in 6979,4 km² di area marina e 154,11 km² di superficie su una lunghezza di 35 km. Molte persone lavorano nel porto di Tanjung Priok e in altri insediamenti industriali. Il nord di Giacarta confina con il Mar di Giava a nord, Bekasi a est, est, ovest e Jakarta centrale a sud e Tangerang a ovest . I sei sottodistretti del nord di Giacarta sono Cilincing, Kelapa Gading, Koja, Pademangan, Penjaringan e Tanjung Priok.

Giacarta orientale

Con 187,73 km², East Jakarta ha la più grande superficie territoriale dei cinque distretti. È diviso in 95% terra, il resto è ricoperto da paludi o risaie con un'altezza di 50 metri sul livello del mare. Dall'istituzione di cinque parchi commerciali, East Jakarta è cresciuta in importanza economica.

East Jakarta confina con North Jakarta a nord, Bekasi a est, Depok a sud e South Jakarta e Central Jakarta a ovest. I dieci sottodistretti di East Jakarta sono Cakung, Cipayung, Ciracas, Duren Sawit, Jatinegara , Kramat Jati, Makasar, Pasar Rebo, Matraman e Pulo Gadung.

Giacarta meridionale

Il sud di Giacarta ha una superficie di 145,73 km². South Jakarta confina con Central Jakarta a nord, East Jakarta a est, Depok a sud, West Jakarta a nord-ovest e Tangerang a ovest. Il distretto è diviso in dieci sottodistretti - Cilandak, Jagakarsa, Kebayoran Baru, Kebayoran Lama, Mampang Prapatan, Pancoran, Pasar Minggu, Pesanggrahan, Setiabudi e Tebet - con un totale di 65 comuni.

Giacarta occidentale

La superficie di West Jakarta è di 127,11 km². Il distretto confina con il nord di Giacarta a nord, il centro di Giacarta a est, il sud di Giacarta a sud e Tangerang a ovest. West Jakarta è diviso in otto sottodistretti: Cengkareng, Grogol Petamburan, Kalideres, Kebon Jeruk, Kembangan, Palmerah, Taman Sari e Tambora - con un totale di 56 comuni.

Giacarta centrale

Il centro di Giacarta è il più piccolo dei cinque distretti. Ha una superficie territoriale di 48,17 km², è di topografia pianeggiante ed è contigua a tutti gli altri quattro comuni. È diviso in otto sottodistretti - Cempaka Putih, Gambir, Johar Baru, Kemayoran, Menteng, Sawah Besar, Senen e Tanah Abang - con un totale di 44 comuni, che a loro volta sono suddivisi in 388 aree residenziali con 4784 quartieri.

clima

La città si trova nella zona a clima tropicale . La temperatura media annuale è di 26,2 °C, la piovosità media annua è di 1.799 millimetri.

Le temperature medie giornaliere massime a Giacarta vanno da 28,9 a 31,1 °C. Anche le temperature medie giornaliere sono comprese tra 25,6 e 26,7 °C tutto l'anno, con la temperatura più alta in ottobre a 26,7 °C e la più bassa a febbraio a 25,6 °C come media a lungo termine.

La principale stagione delle piogge va da dicembre a marzo. La maggior parte delle precipitazioni cade a gennaio e febbraio con una media di 300 millimetri, la minima a settembre con una media di 29 millimetri. A causa delle abbondanti precipitazioni e dell'inquinamento atmosferico, a Giacarta è per lo più nebbioso.

Le forti piogge causano ripetutamente inondazioni a Giacarta durante i monsoni . [7] All'inizio di febbraio 2007 tre quarti della città, con una popolazione di oltre un milione di abitanti, erano sommersi dall'acqua, centinaia di migliaia di persone sono rimaste senza casa e 80 persone sono morte. [8] Le inondazioni hanno superato la catastrofe del 2002, che ha provocato la morte di 21 persone e oltre 300.000 senzatetto. [9] Inondazioni disastrose si sono verificate anche nel 2013 e nel 2020. [10]

storia

Primo insediamento e regno di Pajajaran

L'area dell'odierna Giacarta faceva parte del regno indù di Pajajaran dalla fine del XII secolo, che riuscì a mantenere la propria indipendenza dal regno indù di Majapahit , che dominava gran parte della penisola malese , Sumatra e Borneo , si sviluppò in un sistema politico ben organizzato e sviluppò un fiorente sistema politico attraverso il commercio del pepe. La capitale, Pakuwan, era vicino all'attuale Bogor , 60 chilometri a sud di Giacarta.

Alla fine del XV secolo, il porto principale dell'impero Pajajaran, chiamato Sunda Kelapa , sorse alla foce del Ciliwung . I portoghesi vi sbarcarono nel 1522 e, con il consenso del sovrano, costruirono un forte a protezione del porto per il commercio delle spezie. Il principe musulmano Fatahillah del regno di Demak fece distruggere la città dalle sue truppe il 22 giugno 1527 e costruì una nuova città sullo stesso sito, che fu chiamata Jayakarta (tedesco: Grande Vittoria) ricevuta.

Periodo coloniale olandese

Mappa di Batavia 1681

Verso la fine del XVI secolo vi attraccarono sempre più navi mercantili olandesi . Nel 1613, la Compagnia Olandese delle Indie Orientali (VOC) costruì la prima stazione commerciale di fronte alla città, che negli anni successivi fu ampliata in un forte. Il 30 maggio 1619 Jayakarta fu conquistata e bruciata dalle truppe guidate dal governatore generale Jan Pieterszoon Coen (1587–1629). Sulle sue rovine, Coen fondò la città di Batavia , che divenne la sede della VOC in Asia e la capitale della colonia delle Indie orientali olandesi . [14]

L'eruzione del vulcano Salak del 5 gennaio 1699, combinata con un terremoto verticale e orizzontale , distrusse molti degli edifici della città. L'evento naturale ha innescato grandi movimenti di terra nella regione costiera giavanese, che ha cambiato il corso del fiume Ciliwung, su cui si trovava Batavia. I canali della città si riempirono di fango, peggiorando la situazione igienica della popolazione. [15]

Nel tempo Batavia attirò sempre più intraprendenti cinesi , che qui si stabilirono come banchieri, mercanti, designer e costruttori navali, molti dei quali divennero ricchi. Ciò terminò bruscamente con il massacro di Batavia nel 1740, quando decine di migliaia di cinesi furono uccisi dai giavanesi, assistiti dall'esercito coloniale olandese.

Da Batavia, i Paesi Bassi controllavano già tutta Giava, parti di Sumatra e le Isole delle Spezie ( Molucche ) all'inizio del XVIII secolo. Tuttavia, malattie ed epidemie si diffondono anche nella città portuale tropicale in rapida crescita. Il 3 giugno 1768, il navigatore britannico Philipp Carteret raggiunse Batavia. Un compagno di viaggio durante la circumnavigazione del navigatore britannico James Cook (1728-1779) descrive la Batavia olandese nel 1770:

“Ci sono poche strade in questa città per le quali non sia stato condotto un canale abbastanza largo; e oltre a questi è divisa da cinque o sei fiumi. Le strade sono costantemente larghe e le case alte; per entrambi i motivi questo luogo è, in proporzione al numero di edifici, più grande di qualsiasi altra città d'Europa. ... I canali, che contengono per la maggior parte acqua stagnante, molto inquinata e sporca, emanano un fetore intollerabile nella stagione calda, e i numerosi alberi impediscono il libero afflusso dell'aria, per cui quei fumi nocivi potrebbero essere dissipati in una certa misura.
Nella stagione delle piogge... l'acqua in questi canali impuri si gonfia a tal punto da sfondare gli argini e inondare i livelli inferiori della città in pianura. Quando sarà di nuovo drenato, troverai un'incredibile quantità di fango ed escrementi dove si trovava. ... Su cento soldati che vengono trascinati qui dall'Europa, ci viene assicurato che appena cinquanta saranno ancora vivi alla fine del primo anno ... In tutta Batavia non ci siamo imbattuti in una sola persona dall'aspetto tranquillo fresco e sano."

Mappa di Batavia 1897

I residenti che potevano permetterselo si stabilirono fuori le mura della città più a sud, dove sorse la nuova Batavia. Nel 1778 fu fondata a Giacarta la Royal Batavian Society of Arts and Sciences .

Dopo il fallimento della Compagnia delle Indie Orientali alla fine di dicembre 1799, lo stato olandese rilevò l'intera colonia.

Un attacco britannico il 28 agosto 1811 alla posizione fortificata di Meester Cornelis , ora nel sub-distretto di Jatinegara , gli olandesi non poterono resistere. Durante il breve periodo del dominio britannico fino al 1816, l'esploratore Sir Thomas Stamford Raffles (1781–1826) attuò una serie di riforme progressiste, fondò i Bogor Botanical Gardens e fece ricerche sulla storia del paese.

Durante il 19° secolo, i Paesi Bassi consolidarono il loro potere economico e politico sull'arcipelago da Batavia . Per ragioni climatiche, gli abitanti europei vivevano sempre più nell'emergente sobborgo di Weltevreden , che era stato progettato secondo il modello europeo e ricevette anche un teatro municipale nel 1821, l'odierna Gedung Kesenian Jakarta . Con l'apertura del Canale di Suez il 16 novembre 1869 le vie di trasporto si accorciarono; il volume degli scambi aumentò e sempre più europei arrivarono a Batavia. Nel 1876 fu costruito un nuovo porto a Tanjung Priok. Nel 1880 Batavia contava 100.000 abitanti, nel 1915 questo numero era raddoppiato.

Nel 1926, il Partito Comunista Indonesiano (PKI) invocò una guerra rivoluzionaria di liberazione. L'indagine fallì a causa del superiore potere coloniale olandese. Un anno dopo, il Partai Nasional Indonesia, fondato da Achmed Sukarno (1901-1970) dopo che il PKI fu schiacciato, iniziò la lotta contro gli olandesi.

Batavia negli anni '30

Durante la seconda guerra mondiale , nel dicembre 1941 , le forze dell'Impero giapponese iniziarono la loro invasione dell'Indonesia. Il 5 marzo 1942 occuparono Batavia e l'8 marzo costrinsero gli olandesi alla resa. L'8 agosto 1942 Batavia fu ribattezzata Giacarta. [16] Gli oltre trecento anni del loro dominio coloniale erano finiti. La maggior parte dei residenti di Jakarta ha accolto i giapponesi come liberatori dal giogo europeo. Tuttavia, l'entusiasmo svanì rapidamente quando la superpotenza asiatica costruì un regime di terrore e dispotismo. Il dominio giapponese terminò con la resa il 15 agosto 1945.

indipendenza

Dimostrazione degli agricoltori 2004

Il successivo presidente Sukarno proclamò la filosofia nazionale " Pancasila " a Giacarta nel 1945 e, insieme a Mohammad Hatta (1902-1980), dichiarò l'indipendenza dell'Indonesia il 17 agosto 1945 . La città divenne capitale nel 1950, il primo anno della Repubblica indipendente dell'Indonesia.

Alla fine degli anni Quaranta la popolazione della città superava il milione, 15 anni dopo era già di 4,5 milioni. I bassifondi si diffusero e allo stesso tempo, nonostante i problemi economici, il presidente Sukarno fece erigere monumenti colossali, magnifici viali ed edifici prestigiosi. Suharto , che salì al potere nel 1967 , continuò in gran parte questa politica.

Dal 12 al 14 maggio 1998, Jakarta e l'intero paese hanno vissuto i peggiori disordini dal presunto tentativo di colpo di stato comunista nel 1965, facendo precipitare il paese nel caos e nell'anarchia in alcune aree . Membri dell'unità speciale Kopassusha rapito e ucciso diversi sostenitori della democrazia in città, scatenando le rivolte. Decine di migliaia di persone vagavano per le strade, appiccavano il fuoco a case e automobili e numerose donne cinesi sono state violentate. Il Volunteers Team for Humanity ha documentato 152 stupri e aggressioni sessuali, 20 delle vittime sono morte. Secondo la Commissione statale ufficiale per i diritti umani Komnas HAM, i disordini a Giacarta hanno causato 1.188 vittime e 101 feriti. Solo una piccola parte delle vittime apparteneva alla minoranza cinese. La maggior parte dei morti erano predoni intrappolati negli edifici in fiamme. Il 21 maggio 1998, Suharto si è dimesso da presidente del paese. [17]

Negli anni successivi ci furono diversi attentati dinamitardi nella capitale indonesiana. L'esplosione di una bomba davanti alla residenza dell'ambasciatore filippino il 1 agosto 2000 ha ucciso due persone e ferito 23, compreso il diplomatico. Il 13 settembre 2000 un'autobomba è esplosa in un parcheggio sotterraneo della Borsa di Giacarta e ha appiccato un incendio. 15 persone sono state uccise e 27 ferite. La polizia ritiene che gli autori provengano dall'area di Suharto e che l'attacco avesse lo scopo di interrompere il procedimento per corruzione contro l'ex presidente. Poiché nell'edificio si trovava un ufficio della Banca mondiale , non si può escludere nemmeno il terrorismo internazionale.

Un attentato dinamitardo al JW Marriott Hotel il 5 agosto 2003 ha ucciso dodici persone. Ci sono stati circa 150 feriti. La polizia sospetta che dietro l'attacco ci sia un kamikaze del gruppo islamista Jemaah Islamiyah . Diversi sospetti sono stati arrestati pochi giorni dopo. Un anno dopo, il 9 settembre 2004, l'ambasciata australiana è stata teatro di un attacco terroristico che ha ucciso 11 persone, compreso l'attentatore suicida, e ferito 168 persone. Secondo varie fonti, anche il gruppo Jemaah Islamiyah sarebbe stato responsabile qui. [18]

trasloco della capitale

Nell'estate del 2019, il governo indonesiano ha annunciato che nel 2024 avrebbe trasferito la capitale nella provincia del Kalimantan orientale , sull'isola del Borneo . In una risoluzione del parlamento indonesiano del gennaio 2022 è stato deciso il trasferimento della città. [19] La nuova capitale si chiamerà " Nusantara " e sarà costruita su un terreno statale precedentemente ricoperto da foreste nei governatorati di Penajam Paser Utara e Kutai Kartanegara vicino alle città di Balikpapan e Samarinda . [20] Uno dei motivi del trasferimento è il cedimento del terreno fino a 25 cm all'anno in alcuni punti. [21]

Il presidente Joko Widodo intende costruire il centro amministrativo di Nusantara . Il costo è stimato in 34 miliardi di dollari. Un critico ha scritto nel 2022 che il governo stava fuggendo dagli errori del passato: urbanizzazione dilagante, esodo rurale, ingorgo, burocrazia, corruzione. [22]

sviluppo della popolazione

Baraccopoli di Giacarta
vita negli slum

La popolazione di Giacarta è cresciuta da circa 600.000 abitanti nel 1945 a 9,6 milioni nel 2010. Questo drastico aumento della popolazione ha portato a sovrappopolazione , disoccupazione , criminalità , aumento del traffico e alti livelli di inquinamento in alcune parti della città . Entro il 2050 si prevede una popolazione di 15,9 milioni. [23]

Al fine di prevenire un ulteriore aumento del numero di abitanti, i responsabili dell'amministrazione comunale hanno emesso nel 1970 una restrizione all'immigrazione, in base alla quale solo le persone con un lavoro possono trasferirsi a Giacarta. Anche a causa degli stretti confini urbani, l'aumento della popolazione è stato nel frattempo notevolmente indebolito, principalmente nelle innumerevoli periferie, che oggi contano 18,4 milioni di abitanti. Un totale di 28,0 milioni di persone vivevano nella regione metropolitana di Giacarta nel 2010.

Gli urbanisti presumono che entro il 2016 sarà emersa una nuova gigantesca città di Jabodetabek con 32 milioni di persone. [24] Jabodetabek è composto dalle iniziali delle città di Jakarta, Bogor , Depok , Tangerang e Bekasi , che formeranno grosso modo i confini della nuova metropoli.

Metà dell'aumento della popolazione è dovuto all'immigrazione delle popolazioni rurali che sembrano avere maggiori possibilità di trovare un lavoro, un'istruzione o un po' di ricchezza qui che a casa. Il grande fascino della regione della capitale induce in particolare i giovani a evadere dalla monotona quotidianità di un villaggio giavanese. Il successo è piuttosto modesto. Molti vivono nelle baraccopoli alla periferia della città. Le nuove aree di sviluppo monotone sono ancora rare. Invece, sono state costruite centinaia di migliaia di case piccole ed economiche, che si adattano ai tradizionali "Kampung", quartieri simili a villaggi di Jakarta.

Persone di ogni provenienza vivono a Giacarta. Tuttavia, sundanese e giavanese costituiscono la maggioranza della popolazione . C'è anche una minoranza cinese più ampia a Giacarta. La popolazione di Giacarta è suddivisa come segue: giavanese (2,9 milioni), Betawi (2,3 milioni), sundanese (1,2 milioni), nonché minoranze di arabi, indiani, europei (olandesi) e cinesi.

tramonto
Sviluppo della popolazione di Giacarta

politica

governo della città

Municipio nel nord di Giacarta

Anies Rasyid Baswedan è Governatore del Distretto Capitale DKI (Daerah Khusus Ibukota) Jakarta dal 16 ottobre 2017. I seguenti governatori (sindaci fino al 1960) hanno governato Jakarta fino ad oggi:

gemellaggio tra città

Giacarta ha collaborazioni con le seguenti città:

partenariati regionali

Giacarta ha collaborazioni con le seguenti regioni:

Cultura e luoghi d'interesse

religione

L'86 per cento dei residenti di Giacarta sono musulmani . Appartengono praticamente tutti al ramo sunnita . Ci sono solo poche centinaia di sciiti in tutto a Giacarta . Molti residenti praticano una forma sincretica dell'Islam. I seguaci di questa forma si chiamano Abangan .

Il dieci per cento dei residenti sono cristiani : il 6,5 per cento appartiene alla Chiesa evangelica e il 3,5 per cento alla Chiesa cattolica romana. La Chiesa cristiana di Giacarta è giovane, poiché il cristianesimo ha preso piede solo nel XVII secolo (a causa dei missionari olandesi e portoghesi). L'ex governatore, Basuki Tjahaja Purnama, è cristiano. [39]

Un altro 4 per cento dei residenti sono indù o buddisti (questi ultimi per lo più membri della minoranza cinese).

musica, danza e teatro

Scena di strada con un odong-odong

La cultura tradizionale tipica di Jakarta si sviluppò tra i Betawi , un gruppo etnico ormai omogeneo di ex commercianti e lavoratori immigrati dall'Europa, dalla Cina, dall'India e da altri paesi del sud-est asiatico durante l'era coloniale. Le forme di espressione culturale emerse dal XVIII secolo differiscono dalla cultura pribumi del giavanese e del sundanese di lunga data. Le arti performative Betawi, che si coltivano in periferia in occasione di feste pubbliche stagionali e feste private, e occasionalmente in centro città in occasione di eventi culturali, comprendono il genere musicale Gambang Kromong , che viene utilizzato anche per accompagnare lo stile di danza Ciokek e l' operetta di Lenongviene usato. La musica della marcia del Tanjidor mostra chiaramente la sua origine europea .

L'unico edificio per eventi e teatro rimasto (Gedung Kesenian) dell'era coloniale olandese risale al 1821 ed è ancora oggi utilizzato come teatro per spettacoli di concerti e balletti. Si trova non lontano da Piazza Indipendenza (Merdekaplatz) in direzione nord-est.

Ria Loka ospita il cabaret Srimulat con scene e canzoni comiche. Ketoprak, teatro popolare giavanese accompagnato da gamelan , che trae i suoi temi da leggende popolari e fiabe, viene rappresentato al Teatro Bharata , non lontano da Pasar Senen. Questa fase ospita anche spettacoli di Wayang Orang (= Wayang Wong) basati sul Ramayana o sul Mahabharata . Wayang Wong e Ketoprak si esibiscono mensilmente anche al Taman Mini, Ancol Dreamland e Gedung Kesenian .

Musei

Museo Nazionale Indonesia
Museo di Storia dell'Indonesia nel Monumen Nasional ( Monas )

Intorno alla piazza del vecchio municipio (Taman Fatahillah), diversi edifici coloniali sono stati restaurati con il sostegno dell'UNESCO . Al centro si trova il " Museo di Giacarta ", che è ospitato in uno degli edifici più antichi sopravvissuti. Costruito nel 1710, servì come 'Stadthuys' (municipio) dell'amministrazione, diventando in seguito il quartier generale militare e la sede amministrativa di West Java fino alla seconda guerra mondiale . Dal 1974 vi è ospitato un museo storico. Ospita una collezione di armi, mobili, vecchie mappe e altri cimeli dell'era coloniale.

Il Museo Wayang si trova sul lato ovest della piazza. Il tradizionale teatro delle marionette è diffuso in tutto il sud- est asiatico. Lì sono esposti pupazzi di legno e ombre, nonché gli strumenti associati e altri oggetti necessari per uno spettacolo.

Il "Museo d'Arte e Pittura e Museo della Ceramica" (Balai Seni Rupa) ospita una collezione di dipinti e ceramiche indonesiane. Nell'edificio del 1870 dell'ex Palazzo di Giustizia sul lato est della piazza troverai dipinti di famosi pittori indonesiani. Interessante anche la sezione della ceramica. Sul lato nord della piazza di fronte al municipio si erge l'antico cannone portoghese " Si Jagur ", simbolo di fertilità.

A ovest di Piazza dell'Indipendenza si trova il Museo Nazionale (Museo Pusat) o Gedung Gajah (Elephant Building), così chiamato per via dell'elefante di bronzo che vi si trova e fu presentato in dono dal re thailandese Chulalongkorn (1853–1910) nel 1871 . È uno dei musei più grandi e meglio attrezzati del sud-est asiatico. Fu fondata dagli olandesi nel 1868. La raccolta fornisce informazioni dettagliate sui vulcani e sulle isole, sui popoli e sui loro costumi, sulle arti e mestieri tradizionali di tutte le isole dell'arcipelago .

Il Museo Nazionale ospita un'impressionante collezione di opere d'arte indù di Giava, oltre a porcellane della dinastia Han , Tang e Ming . La sezione preistorica espone i resti del popolo giavanese (= Homo erectus ), numerosi oggetti di culto, iscrizioni su pietra e statue indù e buddiste. Nel reparto ceramiche si possono vedere ceramiche e porcellane di circa 2000 anni, per lo più provenienti dalla Cina.

edifici

Edifici sul Canal Grande

Canale a Giacarta

Dalla piazza del municipio non è lontano il "Canale Grande" (Kali Besar). Ci sono numerose stazioni commerciali, case d'affari e magazzini dell'era coloniale. Le due case sul lato occidentale del canale risalgono all'inizio del 18° secolo, la casa d'angolo della "Chartered Bank" e la casa "Toko Merah", oggi: PT. Dharma Niaga. Ci sono anche due edifici che furono eretti da emigranti tedeschi, le case "Imhoff" e "Wurmb".

La casa del governatore generale tedesco Gustav Wilhelm von Imhoff (1705-1750) di Leer nella Frisia orientale è un edificio allungato in mattoni rossi, chiamato "Toko Merah". Attualmente è adibito a palazzina uffici ma è visitabile. Da vedere l'ampio salone con la doppia scalinata. Alcuni dei mobili originali sono esposti nel municipio. La lapide di Imhoff è esposta nel Museo Wayang, costruito su Taman Fatahillah al posto della vecchia chiesa fatiscente.

La casa del barone Friedrich von Wurmb (1742-1781) della Turingia , a cui Friedrich Schiller (1759-1805) dedicò il suo racconto "Un'azione magnanima", si trova a due edifici dalla "Casa Imhoff". Ci sono due sculture di leoni davanti all'ingresso. Un ampio ingresso da ristrutturare, realizzato secondo lo stile del classicismo , dà un'idea dell'antico splendore. Friedrich von Wurmb è stato uno dei fondatori della Società Bataviana per l'Arte e la Scienza. Le sue collezioni costituiscono la base dell'odierno Museo Nazionale e Biblioteca Nazionale.

In direzione nord si trova l'ultimo ponte levatoio restaurato di oltre 200 anni "Hoenderpasarbrug" (ponte del mercato del pollo). Alla foce del canale si trova la torre di avvistamento, costruita nel 1839, dalla quale la capitaneria di porto avvistava le navi in ​​arrivo. È costruito sulle mura del bastione di Culemborg dal 1645.

Piazza Indipendenza

Monumento Nazionale (Monas)
Palazzo presidenziale

All'inizio del XIX secolo la maggior parte degli edifici amministrativi era stata spostata dal centro storico contaminato alla nuova Batavia intorno alla Koningsplein. Oggi, la Piazza dell'Indipendenza di circa un chilometro quadrato (Piazza Merdeka) al centro è inconfondibilmente il fiore all'occhiello dell'arte monumentale di Sukarno, alto 132 metri , il Monumento Nazionale ( Monas ) con la sua fiamma, che è ricoperta da 35 chilogrammi d' oro . La piattaforma panoramica è alta 115 metri.

Il lato est della piazza è dominato dalla stazione ferroviaria di Gambir a due piani ristrutturata nel 1993 . Di fronte si trova la "Chiesa dell'Emmanuele", un edificio a cupola circolare con un cancello d'ingresso che potrebbe provenire da un tempio dorico. Nel 1839, la "Willemskerk" intitolata al re Guglielmo I (1772-1843) fu aperta come prima chiesa congiunta di luterani e cristiani riformati .

Dietro il ponte, sul Pejambon, si erge il Palazzo dell'Indipendenza (Gedung Pancasila), costruito in stile classicista intorno al 1830 come residenza del comandante militare. Il "Volksraad" risiedeva lì dal 1918, i cui membri provenivano principalmente dalla popolazione coloniale bianca e avevano solo poteri politici limitati. Nel 1945, un comitato istituito dai giapponesi (BPUPKI, poi PPKI) sotto la direzione di Sukarno elaborò la nuova costituzione. Il 1 giugno 1945 Sukarno espose la filosofia di stato di Pancasila dall'edificio .

A nord-est si trova il Tesoro, la cui costruzione iniziò nel 1809 sotto Herman Daendels, governatore generale dal 1807 al 1811. Voleva riorganizzare il sistema coloniale corrotto con mano ferma e ricostruire la vecchia Batavia contaminata. La guerra con la Gran Bretagna e il suo trasferimento posero fine a queste attività. A nord del Ministero si trova la Corte Suprema (Mahkamah Agung), che ha sede in questo edificio neoclassico dal 1848.

A ovest si trova la cattedrale cattolica , costruita nel 1900 in stile neogotico con alcune influenze indonesiane. Le torri alte 77 metri furono costruite in teak perché la precedente cattedrale, costruita nel 1833, crollò sotto il peso delle torri nel 1880.

Realizzata in marmo bianco e acciaio tedesco, la moschea Istiqlal può ospitare 120.000 fedeli. L'enorme e moderna struttura a cupola si trova tra Medan Merdeka e Lapangan Banteng. La moschea , progettata dall'architetto protestante Silaban, fu completata nel 1961 sotto Sukarno . Con questo edificio, Giacarta ha la seconda moschea più grande del mondo dopo Istanbul ( Moschea del Sultano Ahmet ).

Più a ovest si trova il Palazzo Presidenziale ( Istana Merdeka ). L'edificio è dal 1879 la residenza ufficiale del governatore olandese, che prediligeva il clima fresco di Buitenzorg ( Bogor ).

Chinatown

scena di strada

A sud di Kota o Stazione Centrale , su Jl. Pangeran Jayakarta 1, sorge la chiesa più antica della città, "Gereja Sion", costruita tra il 1693 e il 1695. La cosiddetta "Chiesa portoghese fuori le mura della città" era utilizzata dai discendenti dei primi conquistatori portoghesi, dai loro alleati nativi e dagli schiavi che erano stati catturati e presi dagli olandesi in India e Malesia . Bellissimi intagli barocchi decorano l'altare, l'organo e le panche. Una targa in olandese commemora l'apertura della chiesa il 19 ottobre 1695.

Più a sud si trova il vecchio quartiere cinese "Glodok". L'atmosfera tipica cinese con i negozi, i ristoranti e le officine aperte sulla strada si perde sempre di più a causa dei numerosi nuovi edifici monotoni come moderni centri commerciali, banche e condomini in stile cemento uniforme. Molto è stato anche distrutto lì durante i disordini nel 1998.

Nel Jl. Petak Sembilan è il tempio cinese più importante della città, "Jin De Yuan" (chiamato anche Kim Tek I o Wihara Bhakti), costruito nel 1650 dal luogotenente cinese Guo Xun Guan in onore della dea della misericordia. Il tetto del tempio principale è decorato con serpenti naga e altre figure in porcellana, mentre l'interno presenta figure buddiste e taoiste . La figura del "sovrano dei tre mondi" (San Yuan) sopra l'ingresso principale risale al XVII secolo. La comunità cinese si riunisce nel tempio durante le festività cinesi, come il "Festival dei fantasmi affamati" o il capodanno cinese.

Più edifici

Fontana
Statua davanti a un grattacielo sullo sfondo

Alla fine del Jl. Pantai Sanur è uno dei più antichi templi cinesi, il "Ba Do Gong Miao" (Klenteng Ancol). Fu probabilmente costruito per ordine dell'ammiraglio eunuco cinese Zheng He e dell'ammiraglio Wang Zhu Cheng, che visitò l'arcipelago sette volte con la loro flotta dal 1405 al 1430 per conto dell'imperatore Ming Zhu Di (1360-1424). Zheng He è venerato come San Sampo Kong in un tempio a Semarang (Central Java). Nell'edificio principale del Klenteng Ancol si trovano le statue dei due ammiragli. Ci sono diverse tombe antiche dietro l'edificio principale.

La villa del noto pittore giavanese Raden Saleh (1811-1880) si trova vicino alla stazione ferroviaria "Cikini". Trascorse quattro anni della sua vita a Dresda dal 1839 e fu ospite gradito nei palazzi del duca Ernst II di Sassonia-Coburgo e Gotha (1818–1893) fino al 1852. Dopo essere tornato a Giava, fece costruire la sua residenza in memoria del castello di Callenberg vicino a Coburgo . Oggi è utilizzato come edificio amministrativo dell'Ospedale Cikini ed è aperto al pubblico.

Nel Jl. Hayam Wuruk accanto alla Bali Bank è una moschea del 1786, la "Mesjid Kebon Jeruk". Fu costruito dal cinese musulmano Chan Tsin Whu. Dopo il pogrom del 1740, molti cinesi tentarono di sfuggire alle persecuzioni convertendosi all'Islam . Questi Orang Cina Peranakan dovettero staccarsi dalla società cinese ea volte avevano persino i loro leader (Kapten). Il complesso della moschea comprende tombe elaborate, inclusa la tomba di Atimah Whu, la moglie del costruttore. Le lapidi sono decorate sia in stile cinese che arabo.

Il 16 aprile 2004 è stata posata la prima pietra della Torre di Giacarta . La torre alta 558 metri avrebbe dovuto essere completata nel 2009 e in quel momento ha sostituito la CN Tower di Toronto come la torre di trasmissione televisiva e radiofonica più alta. La Jakarta Tower non conseguirà più questo titolo perché il completamento è ancora incerto e perché il Tokyo Skytree è stato inaugurato nel maggio 2012 a un'altezza di 634 metri.

Degna di nota è anche la torre di trasmissione Indosiar di Jakarta, alta 395 metri .

Vicino a Giacarta si trova il più grande porto sopravvissuto al mondo per le navi mercantili a vela, Sunda Kelapa. Questi velieri da carico viaggiano in tutto il mondo delle isole malesi e nel Mar Cinese Meridionale.

Tramonto in centro

parchi

Parco a tema Taman Mini Indonesia Indah
Laghetto delle ninfee nel giardino botanico di Bogor

"Taman Impian Jaya Ancol" è il più grande parco divertimenti del sud-est asiatico con un mercato d'arte, un teatro all'aperto, una piscina, una pista da bowling, un campo da golf e un acquario con una superficie di 137 ettari . Ad Ancol c'è anche il mondo fantastico "Dunia Fantasi", aperto nel 1985, un misto indonesiano di Disneyland e luna park nello stile architettonico di epoche e continenti diversi.

Più avanti verso la spiaggia c'è il porto turistico . Le barche partono da questo porto turistico per Kepulauan Seribu, l'arcipelago delle "Mille Isole" nella baia di Giacarta. Situate a 45 chilometri a nord di Giacarta, le 105 isole hanno una superficie di 11,8 chilometri quadrati. Nel parco nazionale marino ci sono vari ristoranti, hotel, complessi di bungalow e noleggio barche sulla laguna . Nel delfinario ci sono spettacoli giornalieri con leoni marini, delfini e altri animali.

Nel parco a tema Taman Mini Indonesia Indah di 100 ettari nel sud-est della città, la Repubblica dell'Indonesia è stata ricreata in miniatura, con tutte le province del paese rappresentate da edifici in scala reale in stili architettonici tradizionali e artigianato . Oltre ai più moderni musei per l'energia, la storia naturale e la tecnologia, ci sono anche musei etnologici come il Museo Indonesia . Uno spettacolo multivisione "Indonesia" deve essere visto; un teatro moderno è stato inaugurato nel 1997.

Il Giardino Botanico Bogor , il Kebun Raya vicino a Giacarta, è sede di numerosi istituti di ricerca internazionali. È stata fondata il 18 maggio 1817 da Caspar Georg Carl Reinwardt (1773–1854) di Lüttringhausen e oggi contiene una collezione di oltre 3.000 specie di piante, tra cui oltre 200 specie di palme e 883 specie di orchidee . Celebre è il titan arum ( Amorphophallus titanum ), pianta arum con un'infiorescenza alta oltre due metri . L'Orto Botanico è una meta apprezzata e interessante per le escursioni in un ambiente tranquillo e piacevole.

Specialità culinarie

Tempeh in un mercato a Giacarta

Nei ristoranti della capitale indonesiana troverai sia cucina nazionale che internazionale. I numerosi piatti locali includono zuppa di riso (soto, sop), vari piatti di noodle e sate , spiedini di pollo grigliati su una piccola griglia portatile e mangiati con salsa di arachidi . Gustosi sono anche i krupuk , cracker a base di farina di tapioca e gamberetti o pesce macinati, fritti nell'olio, e tahu e tempeh goreng, cubetti di cagliata di soia o semi di soia pressati , fritti nel grasso . Specialità locali sono anche l'anatra ripiena Bebek "Betutu" e il fritto di pesce leggermente marinato "Ikan Acar Kuning". Quello in una foglia di bananai piatti di pesce al vapore (pepes ikan) sono un'altra specialità locale. Tahu e tempeh (una specie di tortino di soia) sono spesso cucinati con spinaci o sedano.

Il riso fritto ( nasi goreng ) e le tagliatelle fritte (mie goreng) sono piccanti. La salsa di arachidi, invece, è dolce se preparata con i vari spiedini di carne sate alla griglia. Questi ottengono un aroma particolarmente delicato quando gli spiedini sono fatti di citronella. Con il gado-gado , la salsa di arachidi zuccherata viene versata tiepida sull'insalata di verdure .

Oltre ai ristoranti fissi, ci sono ovunque in città anche venditori ambulanti ( Kaki Lima = "cinque piedi" = larghezza standard del marciapiede) che offrono zuppe con polpette o altre delle suddette specialità e le preparano fresche al momento .

Oltre a queste specialità locali, troverai ovviamente anche tutti gli altri tipi di ristoranti, in particolare le catene di fast food occidentali.

commercio

centro commerciale

Ci sono numerosi mercati a Giacarta, così come molti grandi magazzini e centri commerciali. I mercati più grandi della città includono il mercato del pesce di Kali Baru e il mercato degli uccelli (Pasar Burung) a sud di Jl. Pramuka, all'inizio dell'autostrada cittadina. Sul "Pasar Seni Ancol", un grande mercato di arti e mestieri nel parco divertimenti Ancol, vengono prodotti e venduti artigianato come intagli, quadri, vimini e tessitura. Una mostra d'arte si trova nell'adiacente edificio a due piani.

Generi alimentari, articoli di lusso e altro sono disponibili presso i centri commerciali Grand Indonesia, Plaza Indonesia, Fx, Plaza Senayan, Hayam Wuruk, Gajah Mada Plaza, Pasar Senen e Ratu Plaza su Jl. Jen. Sudirman e Blok M a Kebayoran Baru. I centri commerciali più grandi sono Pondok Indah Mall (PIM) a sud, Kelapa Gading e Mangga Dua a nord e Taman Anggrek a est della città. I supermercati che soddisfano anche gli standard europei ora si trovano in tutte le parti di Giacarta.

Economia e Infrastrutture

Giacarta moderna

Secondo uno studio del 2014, Greater Jakarta ha un prodotto interno lordo di $ 321 miliardi (KKB). Nella classifica delle regioni metropolitane economicamente più forti del mondo, occupa il 30° posto. [40]

economia e ambiente

via commerciale

I settori più importanti dell'economia di Giacarta sono l'industria alimentare e delle bevande, l'industria tessile e della pelle e la lavorazione del tabacco. Le industrie ad alta intensità di manodopera e orientate all'esportazione come la produzione tessile, dei giocattoli e delle scarpe stanno diventando sempre più importanti.

Tipici di questi settori sono le società prettamente private, spesso multinazionali, mentre nelle industrie del cemento e dei fertilizzanti, della petrolchimica e della metallurgia predominano le società statali o le joint venture a partecipazione statale. Vi sono segnali di un'apertura dalle società statali, spesso non redditizie, verso una maggiore deregolamentazione e privatizzazione .

Giacarta è anche il centro bancario del paese. La borsa dell'Indonesia e le banche più grandi ( Bank Bukopin , Bank Central Asia , Bank Internasional Indonesia , Bank Mandiri e Bank Rakyat Indonesia ) hanno sede qui.

Nel complesso, lo sviluppo economico di Giacarta è stato positivo dal 1967. Nonostante tutti i fenomeni negativi come povertà urbana, disoccupazione, infrastrutture inadeguate e inquinamento ambientale , il tenore di vita della popolazione è stato innalzato. Dal 1997 al 2000, l'economia di Giacarta è stata gravemente colpita dalla crisi politica interna ed economica globale. La chiusura delle fabbriche è stata all'ordine del giorno, la disoccupazione è aumentata enormemente ei proventi delle esportazioni sono diminuiti drasticamente. Solo dal 2001 il prodotto interno lordo (PIL) è nuovamente aumentato.

Nel settore, concentrato nella regione metropolitana di Giacarta, le capacità di smaltimento e pulizia delle acque reflue, dei gas di scarico e dei rifiuti sono insufficienti. Oltre alle malattie infettive come colera , diarrea e tifo , che si diffondono attraverso condizioni igieniche inadeguate, ci sono anche malattie respiratorie e cutanee dovute alle emissioni tossiche di numerosi stabilimenti industriali e del traffico automobilistico. Problemi particolari derivano dal fatto che le aree residenziali e industriali più povere si trovano spesso nelle immediate vicinanze. La popolazione non può essere adeguatamente rifornita di acqua potabile pulita. [41] Degli effluenti industriali non trattati della capitale si trovano nell'estuario del fiumeCitarum ha colpito direttamente 500.000 persone e indirettamente circa 5 milioni di persone. L'acqua e il suolo sono inquinati da livelli molto elevati di piombo, cadmio, cromo e pesticidi, spingendo il Blacksmith Institute a includere il fiume nella sua lista del 2013 dei "10 luoghi più contaminati sulla Terra". Da allora, il governo indonesiano ha cercato di porre rimedio alla situazione con l'aiuto dei prestiti della banca asiatica di sviluppo. [42]

In una classifica del 2018 delle città in base alla loro qualità di vita, Giacarta si è classificata al 142° posto su 231 città intervistate in tutto il mondo. [43]

Traffico

lunga distanza

Il porto vecchio

Giacarta è un importante snodo dei trasporti con compagnie aeree, ferrovie, porti, autostrade e terminal degli autobus interurbani. Tutti i voli internazionali e nazionali sono gestiti all'aeroporto internazionale Soekarno-Hatta di Cengkareng, 23 chilometri a ovest di Giacarta. Può essere raggiunto dal centro di Giacarta tramite una superstrada.

La rete ferroviaria regionale nell'area metropolitana di Giacarta (regione di Jabodetabek – Giacarta, Bogor, Tangeran e Bekasi) è composta da diverse linee con una lunghezza totale di circa 125 chilometri. I tratti di linea utilizzati dai treni locali ea lunga percorrenza sono parzialmente elettrificati.

I treni sono spesso molto sovraffollati durante le ore di punta , quando la capacità del veicolo richiesta non può essere compensata dall'operatore a causa di guasti. Gli incidenti tragici non sono rari. Ci sono collegamenti ferroviari con Java centrale e orientale dalla stazione di Kota o Gambir a Jakarta.

Giacarta ha diversi porti marittimi, tra cui il vecchio porto di Kelapa Sunda , che è anche interessante per i turisti, dove i mercantili di legno provenienti da tutto l'arcipelago trasbordano le loro merci, e il moderno porto di Tanjung Priok , dove le navi Pelni hanno collegamenti passeggeri e RoRo con producono i porti marittimi più importanti dell'Indonesia. C'è anche un porto peschereccio più grande a ovest di Kelapa Sunda.

trasporto locale

Le strade a Giacarta a volte sono in cattive condizioni. A parte la rete ferroviaria regionale della KAI Commuter Jabodetabek [44] , una sussidiaria delle ferrovie statali indonesiane , la città non dispone da tempo di un sistema di trasporto ferroviario efficiente e ad alta capacità che possa sostituire le strade.

Dalla fine del 2013 è in costruzione una linea metropolitana lunga 24 km , la MRT Jakarta , la cui prima tratta è entrata in funzione il 24 marzo 2019. Un'altra linea metropolitana con un orizzonte di completamento tra il 2024 e il 2027 è in fase di progettazione. [45] [46]

Il trasporto pubblico locale è in gran parte gestito da autobus diesel che condividono le corsie con il trasporto privato.

Autobus TransJakarta all'inversione di marcia alla stazione di Jakarta Kota
Taxi

Alla fine del 2004, la TransJakarta è stata introdotta anche come sistema di autobus separato con sette linee centrali fino ad oggi. Per questo sistema "Metrobus" è stata strutturalmente separata una corsia (tranne nelle zone di intersezione); sono state inoltre allestite stazioni di sosta permanenti. Gli autobus climatizzati sono progettati in modo tale che l'imbarco e la discesa siano possibili solo alle fermate designate. Gli ingressi sono alti un buon metro. [47]

Il traffico intenso per le strade di auto e motorini provoca ingorghi quotidiani, che non solo rendono più difficoltosi gli spostamenti e comportano un aumento dell'inquinamento atmosferico dovuto ai gas di scarico, ma aggravano anche altri problemi: solo per questo motivo la spazzatura non può essere smaltiti in modo efficiente nella capitale, perché i camion della spazzatura sono bloccati nel traffico per la maggior parte del tempo.

Gli autobus più piccoli fanno salire e scendere i passeggeri ai margini della strada o in mezzo alla strada.

Storicamente, Giacarta aveva un sistema di tram che risale a un tram trainato da cavalli nel 1869, che cessò le operazioni nel 1962. I tram a vapore operarono dal 1881 e l'elettrificazione ebbe luogo dal 1899.

Un altro modo per spostarsi è utilizzare i numerosi taxi a disposizione .

Non ci sono marciapiedi o sono in pessime condizioni. I passaggi pedonali sono quasi inesistenti. I ponti pedonali esistenti sono popolari luoghi di ritrovo per mendicanti, piccoli commercianti e borseggiatori.

media

Mal Pondok Indah nel sud di Giacarta

La capitale indonesiana è la sede dell'agenzia di stampa ANTARA . È stata fondata il 13 dicembre 1937. Nel 1962 ANTARA è diventata l'agenzia di stampa ufficiale dell'Indonesia. Giacarta ospita anche il quotidiano in lingua inglese The Jakarta Post , pubblicato per la prima volta il 25 aprile 1983.

Importanti quotidiani in lingua indonesiana (Bahasa Indonesia) pubblicati a Giacarta sono "Hidayatulla", "Jawa Pos", "Kompas", "Media Indonesia", "Republika" e "Suara Pembaruan". La rivista di notizie Tempo è pubblicata in inglese, indonesiano e giapponese. Importanti giornali economici sono "Bisnis Indonesia", "Kontan" e "Surat Kabar". Quest'ultimo appare in inglese e indonesiano. Il più grande quotidiano sportivo della capitale è “Bola”. È pubblicato in indonesiano.

addestramento

Edificio del rettorato dell'Universitas Indonesia

Giacarta ospita le seguenti università: Universitas Indonesia , Universitas Negeri Jakarta, Universitas Trisakti , Universitas Atma Jaya , Universitas Pancasila, Universitas Bina Nusantara, Universitas Kristen Krida Wacana, Universitas Tarumanagara, Universitas 17 Agustus, Universitas Bung Karno, Universitas Mercu Buana, Universitas Gunadarma, Universitas Pelita Harapan, Universitas Jayabaya, Universitas Pembangunan Nasional, President University, Universitas Muhammadiyah , Universitas Indonusa Esa Unggul, Universitas Mercu Buana, Universitas Yarsi, Universitas Kristen Indonesia e Indonesia Banking School .

Universitas Indonesia è un'università statale. Fu inaugurato il 2 febbraio 1950. Nel semestre 2005/2006 sono stati iscritti 11.011 studenti provenienti da numerosi paesi . L'università è suddivisa nelle seguenti dodici facoltà : Facoltà di Medicina (FK), Facoltà di Odontoiatria (FKG), Facoltà di Matematica e Scienze Naturali (FMIPA), Facoltà di Giurisprudenza (FH), Facoltà di Psicologia (FPsi), Facoltà di Ingegneria (FT), Facoltà di Economia (FE), Facoltà di Sanità Pubblica (FKM), Facoltà di Scienze Sociali e Politiche (FISIP), Facoltà di Lettere e Filosofia (FIB), Facoltà di Informatica (Fasilkom) e Facoltà di Infermieristica (FIK ).

personalità

letteratura

link internet

Commons : Jakarta  - Raccolta di immagini, video e file audio
Wikizionario: Giacarta  - significato spiegazioni, origine della parola, sinonimi, traduzioni

voci

  1. [1]
  2. a b demographia.com (PDF; 2,4 MB)
  3. Indonesia: dati nazionali e statistiche. Estratto il 10 marzo 2019 .
  4. Giacarta sta affondando: una città scava l'acqua da sola. In: Deutschlandfunk.de . 12 ottobre 2019, recuperato il 9 novembre 2019 .
  5. ^ La nuova capitale dell'Indonesia si chiamerà "Nusantara". In: FAZ.net . 18 gennaio 2022, recuperato il 17 gennaio 2022 .
  6. ^ La futura capitale dell'Indonesia si chiamerà Nusantara. In: Specchio in linea. 17 gennaio 2022, recuperato il 17 gennaio 2022 .
  7. Verena Kern: Atterra sotto. In: Reporter sul clima. 2 novembre 2019, recuperato il 4 novembre 2019 .
  8. Registro globale 2007 dei principali eventi alluvionali. In: dartmouth.edu . Estratto il 3 gennaio 2020 (inglese).
  9. Inondazioni in Indonesia - Caos e rischio epidemie a Jakarta. ( Memento del 20 settembre 2008 presso Internet Archive ) Quotidiano del 5 febbraio 2007.
  10. Niniek Karmini: i soccorritori trovano più corpi nelle acque alluvionali di Giacarta. smh.com.au, 3 gennaio 2020 (inglese); accesso 3 gennaio 2020.
  11. ^ Temperature basate sulle medie 1994–1999, Agenzia meteorologica e geofisica, Indonesia
  12. M. Müller: Manuale di stazioni climatiche selezionate sulla terra . Università di Treviri, 1983, stadtklima.de
  13. ^ wetterkontor.de , tabella climatica di Giacarta
  14. ^ Amrita Moehring-Sen: un confronto tra due città sotto il dominio della VOC nel XVI e XVII secolo: Batavia e Malacca. GRIN Verlag, Monaco di Baviera 2007, pagina 8, ISBN 3-638-83160-4
  15. ^ Thomas Schleich, Thomas Beck: l'Europa e il mondo extraeuropeo. Scritti della Biblioteca universitaria Bamberg, Bamberg 1988, vol.6, p.31, ISBN 3-7661-4565-7
  16. Storia dei nomi delle città di Giacarta . ( Memento del 20 gennaio 2012 su Internet Archive ) Indonesia Old City
  17. ^ Society for Threatened Peoples: The Chinese Minority in Indonesia – Scapegoating Corruption and Mismanagement ( Memento del 27 settembre 2007 presso Internet Archive ), Memorandum del novembre 1998
  18. ^ Hamburger Abendblatt : Cronaca degli attacchi in Indonesia dal 1999 , dal 1 ottobre 2005
  19. ^ La capitale dell'Indonesia sarà trasferita. Estratto il 18 gennaio 2022 .
  20. Jokowi: la nuova capitale dell'Indonesia sarà nel Kalimantan orientale. Borneo Post, 26 agosto 2019
  21. ^ Lena Bodewein: Indonesia: La capitale Giacarta sta affondando. NDRInfo, 27 settembre 2019
  22. ^ Christoph Hein: Il governo indonesiano non vuole salvare Giacarta. In: faz.net, 6 febbraio 2022, recuperato il 7 febbraio 2022.
  23. Popolazione cittadina 2050 | Sostenibilità oggi. Estratto il 25 luglio 2018 (inglese).
  24. Processo di pianificazione partecipata a Dakar e Jakarta: due grandi storie! (PDF; 32 kB)  ( Pagina non più disponibile , cerca negli archivi webInfo: Il collegamento è stato automaticamente contrassegnato come interrotto. Si prega di controllare il collegamento in base alle istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. Centro internazionale di ricerca sullo sviluppo@1@2Vorlage:Toter Link/web.idrc.ca  
  25. ^ Indonesia: Territorio della Capitale di Giacarta (Governorati e Comuni) - Statistiche sulla popolazione, grafici e mappa. Estratto il 5 gennaio 2022 .
  26. ^ a b c d e f g h i j k Perayaan HUT Jakarta Berharga RP 3.5 miliare. Estratto il 2 agosto 2012 (indonesiano).
  27. ^ Walikota Berlin Bangga Dengan Kota Giacarta. (Non più disponibile online.) Archiviato dall'originale il 19 aprile 2014 ; Estratto il 2 agosto 2012 (indonesiano).
  28. ^ Città gemella di Giacarta. (Non più disponibile online.) Archiviato dall'originale il 14 ottobre 2012 ; recuperato il 2 agosto 2012 .
  29. ^ Gubernur DKI dan Walikota Hanoi Tandatangani MOU Città Sorella. Estratto il 2 agosto 2012 (indonesiano).
  30. ^ Riattivare l'accordo Islamabad-Jakarta sulla città gemella. (Non più disponibile online.) Archiviato dall'originale il 19-01-2012 ; Estratto il 2 agosto 2012 (inglese).
  31. ^ Città sorelle di Istanbul. Estratto il 2 agosto 2012 (inglese).
  32. ^ Città sorelle di Los Angeles—Jakarta, Indonesia. Estratto il 2 agosto 2012 (inglese).
  33. Les pactes d'amitié et de coopération. Estratto il 2 agosto 2012 (francese).
  34. ^ Le città sorelle di Pechino. Estratto il 2 agosto 2012 (inglese).
  35. ^ Kerja Sama Sister City Jakarta-Pyongyang Ditandatangani. (Non più disponibile online.) 28 febbraio 2007 Archiviato dall'originale il 23 settembre 2015 ; Estratto il 2 agosto 2012 (indonesiano).
  36. ^ Giacarta-Rotterdam collaborano alla gestione delle inondazioni. (Non più disponibile online.) Archiviato dall'originale il 23 settembre 2015 ; Estratto il 2 agosto 2012 (inglese).
  37. La cooperazione Seoul-Jakarta si rafforza. Estratto il 2 agosto 2012 (inglese).
  38. Città sorelle. (Non più disponibile online.) Archiviato dall'originale il 18-07-2014 ; Estratto il 2 agosto 2012 (inglese).
  39. ^ La capitale indonesiana ottiene un governatore cristiano. Articolo sul Daily Mail. Estratto il 23 maggio 2016.
  40. ^ Alan Berube, Jesus Leal Trujillo, Tao Ran e Joseph Parilla: Global Metro Monitor . In: Brookings . 22 gennaio 2015 ( brookings.edu [accesso 19 luglio 2018]).
  41. ^ H. Angga Indraswara: Guai d'acqua. La partecipazione del settore privato all'approvvigionamento idrico di Giacarta ha lasciato molti cittadini a bocca aperta. Dentro l'Indonesia, 95, gennaio-marzo 2009
  42. ^ Top Ten Threats 2013 (PDF; 4,7 MB) del Blacksmith Institute
  43. ^ Classifica Mercer 2018 sulla qualità della vita. Estratto il 30 luglio 2018 (inglese).
  44. ^ Sito web del KAI Commuter Jabodetabek. Estratto il 22 gennaio 2017 (indonesiano).
  45. ^ Roland Rohde: la regione della capitale dell'Indonesia ottiene una moderna rete stradale e ferroviaria. In: gtai.de. Germany Trade and Invest , 31 gennaio 2017, recuperato il 1 febbraio 2017 .
  46. ^ Michael Lenz: La prima metropolitana di Giacarta: una risposta al mega ingorgo . In: Il quotidiano: taz . 3 aprile 2019, ISSN  0931-9085 ( taz.de [accesso 10 maggio 2020]).
  47. ^ TransJakarta Busway ( 1 settembre 2008 ricordo su Internet Archive )