Schiavitù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Gordon, un ex schiavo con prove di crudeli abusi in Louisiana , Stati Uniti, 1863

La schiavitù è un sistema in cui le persone sono trattate come proprietà degli altri. Nella schiavitù, nel senso stretto della storia, il diritto di acquisire, vendere, affittare, affittare, dare via ed ereditare schiavi era sancito dalla legge . Le "leggi sugli schiavi" regolavano gli aspetti privati ​​e penali della proprietà degli schiavi e della tratta degli schiavi ; inoltre, determinarono anche quali diritti fossero concessi agli schiavi.

In molti stati e società proprietari di schiavi, gli schiavi conservavano una certa capacità giuridica e potevano ad es. B. appellarsi ai tribunali o acquisire proprietà con restrizioni che in alcune società e paesi consentivano loro di ottenere la libertà attraverso l'autoacquisto. In alcune politiche la schiavitù era ereditaria ; H. anche i discendenti degli schiavi non erano liberi.

In un senso più ampio, la schiavitù comprende anche la privazione della libertà e la coercizione delle persone senza una base legale, o come violazione delle leggi applicabili e della dignità umana , nonché lo sfruttamento dei residenti illegali . I confini tra schiavitù e fenomeni "simili alla schiavitù" come il lavoro forzato (nell'industria, nelle miniere, nelle piantagioni, ecc.) o la prostituzione forzata sono fluidi.

espressione

etimologia

La parola "schiavo" ( schiavo e schiavo del tardo medio alto tedesco ; appellativo, che è linguisticamente tutt'uno con il nome popolare degli slavi , dal greco medio Sklabēnoi dallo slavo Slověninŭ con una k inserita dai greci , da cui è sorto un aggettivo sklabēnós , che nel VI secolo divenne il sostantivo sklábos era, dall'VIII secolo con il significato di "origine slava non libera", divenuto poi latino medievale sclavus [ 1] ) è spesso una spiegazione etimologica superata derivante dal verbo greco skyleúo , forma secondariaskyláo 'fare bottino di guerra' [2] derivato.

Tuttavia, l'attuale derivazione si basa sul prestito dal latino sclavus per l'etnia degli slavi , così chiamata fin dal medioevo . [3] Il rumeno şchiau , plurale şchei e l' albanese shqa - entrambi nomi obsoleti per i vicini slavi (meridionali), in particolare bulgari e serbi - provengono dalla stessa fonte, perché entrambe le parole una volta potevano anche significare "servitore", "schiavo". Alcuni autori tendono a vederlo nelle lotte degli ottoniani contro gli slavi originati nel X secolo, soprattutto già da Widukind von Corvey e negli Annali di Quedlinburg per schiavo invece di slavus è scritto ' sclavus '. Così, l'11 ottobre 973, ad un mercante di schiavi fu emesso un documento contenuto nella Monumenta Germaniae Historica , in cui al posto del latino servus compare per la prima volta sclavus per 'schiavo' . [5]

Il termine saqaliba usato nelle fonti arabe medievali صقالبة/ ṣaqāliba / 'slavi' si riferisce anche agli slavi e ad altri popoli dalla pelle chiara o rossastra dell'Europa settentrionale e centrale. Il termine al-Ṣaḳāliba (sing. Ṣaḳlabī , Ṣiḳlabī ) è preso in prestito dal greco medio Σκλάβος (la fonte immediata del latino sclavus ). Questa è una variante di Σκλαβῆνος (singolare) o Σκλαβῆνοι (plurale), che è presa dall'auto-designazione slava Slovĕne (plurale). A causa del gran numero di schiavi slavi, la parola ha assunto il significato di 'schiavo' in diverse lingue europee ( schiavo inglese , It. schiavo , francese esclave), così anche nella Spagna omayyade , dove Ṣaḳāliba si riferiva a tutti gli schiavi stranieri.

Il fatto che altri termini per "schiavo" potessero essere naturalizzati anche in alcune aree europee era evidente dal X secolo durante il corso della Reconquista fino al 1492, soprattutto nell'area cristiana del Mediterraneo occidentale, dove i catturati in battaglia e i " Saracene " / "Saracenin 'o ' Maure ' / 'Maurin' divennero merci e il lavoro degli schiavi doveva essere eseguito. [6]

caratteristiche e aspetti

I residenti dell'Austria interna vengono ridotti in schiavitù dagli ottomani , 1530

Gli schiavi di solito provengono da altri paesi, vengono strappati al loro gruppo etnico e familiare e portati in altri ambienti etnici, linguistici e sociali che sono loro estranei. Possono stare al di fuori della legge, essere reificati in merce o disumanizzati e diventare oggetti di vendita e rivendita. [7] La ​​privazione della libertà è spesso accompagnata da violenza fisica e/o istituzionale . Caratterizza la tratta degli schiavi e significa la perdita dei diritti e delle opportunità di identificazione (alienazione natale) associati alla nascita e alla genealogia , nonché alla dignità umana . [8°]

La schiavitù, laddove determina una struttura sociale , serve principalmente allo sfruttamento economico e al mantenimento di una società di classe .

società schiavista

Cacciatori di schiavi in ​​Brasile ( Moritz Rugendas , 1823)

Nella teoria sociale del marxismo e del leninismo , la società schiavista è intesa come una forma economica di società basata sulla proprietà degli schiavisti dei mezzi di produzione (terra, macchine, ecc.) e dei produttori diretti (schiavi). Karl Marx , che considerava la schiavitù la forma più rozza e primitiva di sfruttamento e l'antagonismo tra schiavi e proprietari di schiavi un antagonismo di classe arcaico, mise in relazione il termine società schiavista esclusivamente con le società antiche . Tuttavia, Marx ha anche descritto come un fenomeno di sovrastrutturadella schiavitù sono emerse opinioni politiche, legali e filosofiche, che hanno servito i proprietari di schiavi come strumento di potere. [9]

Secondo lo storico americano Ira Berlin , le cui opere principali comprendono due monografie sulla storia della schiavitù negli Stati Uniti , si devono distinguere due forme di schiavitù. La società degli Stati meridionali americani prima della guerra civile era una tipica "società degli schiavi" ( società degli schiavi in ​​inglese ). Nelle società schiave, i processi produttivi centrali - nel caso degli stati meridionali, la coltivazione di canna da zucchero, tabacco, riso e cotone nelle piantagioni - si basano sulla forza lavoro degli schiavi. D'altra parte, nelle società con schiavi), come ad es. B. esisteva nell'antichità greca e romana, gli schiavi giocavano solo un ruolo marginale nell'economia. Di conseguenza, nelle società schiave, i proprietari di schiavi formano la classe dirigente, mentre nelle società schiave formano solo una parte dell'élite ricca. [10] [11]

Differenziazione da termini simili

Servi della gleba, 1310 ca

I confini tra la schiavitù e simili forme di assoggettamento e sfruttamento sono spesso poco chiari. Termini come dipendenza simile alla schiavitù o condizioni di lavoro simili alla schiavitù possono servire a delineare o includere espressamente tali fenomeni e relazioni "simili". Le seguenti forme di schiavitù e lavoro non libero si distinguono dalla schiavitù:

  • Il termine servitù della gleba denota il rapporto tra un feudatario e i contadini sotto il suo controllo, compresa la giurisdizione e la legatura. I servi della gleba coltivano la terra del signore in cambio dell'affitto e svolgono per lui lavori forzati , i cosiddetti lavoratori autonomi lo servivano direttamente come servitori . Se la servitù della gleba fosse una forma di schiavitù è oggetto di dibattito. Lo storico Michael Zeuske non vede alcuna differenza tra loro. [12]
  • Nella schiavitù per debiti , un debitore impegna il suo lavoro per estinguere i debiti, spesso costretti dalle circostanze e per un periodo di tempo indefinito.
  • La mita e l' encomienda erano forme di lavoro schiavo imposte ai popoli indigeni nell'impero coloniale spagnolo . Spesso differivano solo nel nome dalla schiavitù, che l'editto della regina Isabella del 1503 vietava di essere applicato alle popolazioni indigene. [13]
  • L'apprendistato forzato (anche: apprendistato a contratto ) è il collocamento ordinato dal tribunale dei figli di ex schiavi nella famiglia di un "insegnante". Questa forma transitoria di schiavitù e libertà era tra l'altro Diffuso negli Stati meridionali americani dopo il 1865. Circostanze simili esistevano già nel medioevo, dove non era raro che i figli venissero dati "per istruzione" dai genitori a famiglie straniere per vivervi in ​​condizioni simili alla schiavitù e spesso per un periodo indefinito, ad es. B. il fante a Venezia, spesso balcanico. [14]
  • A Verdingen , diffuso in Svizzera e Austria nel XIX secolo e nella prima metà del XX secolo , i bambini (spesso orfani o figli divorziati) venivano assunti dai contadini come braccianti e spesso costretti a fare lavori pesanti e privati ​​di molti diritti. [15]
  • Il lavoro forzato è un lavoro che una persona è costretta a fare contro la propria volontà e sotto minaccia di punizione.

In inglese , per distinguere chiaramente la schiavitù da forme simili di schiavitù, sono comuni le espressioni chattel bondage ("possession bondage") e chattel slavery ("possession slavery"), che denotano solo forme di schiavitù in cui una persona è anche imprigionata in senso giuridico - cioè con esplicita conferma da parte del legislatore - come proprietà di altra persona. [16]

Le definizioni legali della Convenzione supplementare delle Nazioni Unite del 1956 sull'abolizione della schiavitù, la tratta degli schiavi e le istituzioni e pratiche simili alla schiavitù legano il termine schiavitù all'esercizio dei diritti di proprietà: la schiavitù è "lo status giuridico o la situazione di una persona in cui sono esercitati uno o tutti i poteri connessi ai diritti patrimoniali”. [17] L'articolo 1 elenca "istituzioni e pratiche simili alla schiavitù", vale a dire schiavitù per debiti, servitù, contratto, matrimonio forzato per pagamento in contanti o in natura e cessione o eredità di una moglie a un'altra persona.

Persona schiava

C'è un dibattito nella storia di lingua inglese sull'opportunità di usare il termine schiavo invece di schiavo per riferirsi alle vittime della schiavitù . Per un cambio di termine, si sostiene che la parola schiavo continua in modo linguistico il reato di schiavitù riducendo le vittime a un oggetto non umano (merce, merce, ecc.) invece di ricordarle come persone. Altri storici contrastano quello schiavoè il termine più breve e familiare, o che proprio questa parola riflette giustamente la disumanità della schiavitù: "persona" suggerirebbe un'autonomia personale che la schiavitù non potrebbe avere. [18]

storia della schiavitù

antichità

Un soldato romano e due schiavi prigionieri. Rilievo da Smirne (ora Smirne , Turchia), 200 d.C. circa

La storia della schiavitù, documentata da testi giuridici, inizia nelle prime civiltà avanzate dell'antichità . Là era comune la riduzione in schiavitù dei prigionieri di guerra ; ma anche i loro discendenti rimasero non liberi. La schiavitù era diffusa in Mesopotamia , Egitto e Palestina .

Nelle città-stato greche , dove gli schiavi erano usati in gran numero per il lavoro domestico e agricolo, l'ascesa del commercio diede origine alla schiavitù per debiti , in cui i debitori inadempienti caddero in una dipendenza simile alla schiavitù dal loro creditore . La schiavitù per debiti era diffusa anche a Roma, ma con il diffondersi delle guerre di conquista romane, i prigionieri di guerra vi furono sempre più ridotti in schiavitù. Sia in Grecia che a Roma, gli schiavi liberati potevano ottenere la cittadinanza.

Medioevo

Nella cultura islamica, l'uso massiccio degli schiavi nei collettivi di lavoro non era molto comune. Nell'agricoltura (palme da datteri, giardinaggio nelle oasi) e nella zootecnia nomade, gli schiavi vivevano integrati nelle comunità domestiche o familiari dei proprietari di schiavi. Fanno eccezione gli Zanj , popolo nero rapito dall'Africa orientale e che, durante l' impero abbaside , lavorava in grandi gruppi nelle saline , nelle bonifiche e nelle piantagioni per la produzione di zucchero nelle saline dell'odierno Iraq. [19] Nell'869 iniziarono una rivolta, che portò il califfato abbaside sull'orlo della sconfitta, ma riuscì a essere schiacciato. [20]

Più o meno nello stesso periodo , i popoli turchi come i cazari e i popoli germanici come i varangiani e i vichinghi commerciavano prigionieri di guerra e schiavi in ​​Europa e nell'est. Dopo i conflitti militari con gli slavi , in Sassonia e nella Francia orientale si sviluppò un commercio di schiavi slavi ben organizzato e molto esteso . Oltre a Praga, il principale centro commerciale era Ratisbona. C'erano buoni rapporti commerciali con Venezia e Verdun, da dove continuavano le rotte commerciali verso l'Arabia e la Spagna, dove dopo la diffusione dell'Islam c'era una grande richiesta di schiavi. Ma c'era anche bisogno di lavoro non gratuito tra i grandi proprietari terrieri nel regno dei Franchi. [21]

L'uso di schiavi militari, i mamelucchi , ha svolto un ruolo significativo nella pratica di governo degli stati islamici, a partire dall'alto medioevo . Nella loro lealtà, questi stavano al di fuori delle relazioni familiari e tribali, ma potevano anche prendere il potere da soli, come ha mostrato l'esempio dei Ghaznavidi .

I principi slavi consolidarono il loro dominio anche con la tratta di esseri umani. Secondo il viaggiatore arabo-ebreo Ibrahim ibn Yaqub , intorno all'anno 960 uno dei più famosi mercati degli schiavi si trovava sotto il castello principale dei principi boemi Přemyslid a Praga. [22] Con la cristianizzazione , la schiavitù declinò nell'Europa centrale altomedievale , dove ai cristiani era proibito vendere o comprare altri cristiani come schiavi. A sud delle Alpi – ad esempio nelle repubbliche marinare italiane , nella regione del Mar Nero , nei Balcani e in Egitto– tuttavia, gli schiavi continuarono a essere trafficati su larga scala. Anche papi e monasteri possedevano schiavi. Teologi medievali come Tommaso d'Aquino , citando Aristotele , giustificarono la legalità e la necessità della schiavitù dal diritto naturale . [23]

Il primo vero libro di diritto in cui la schiavitù e la servitù della gleba vengono rifiutate è il Sachsenspiegel di Eike von Repgow , che fu scritto intorno al 1230 : "La mancanza di libertà è quindi un'ingiustizia che si ritiene giusta per abitudine. Poiché l'uomo è fatto ad immagine di Dio, appartiene solo a lui e a nessun altro». [24]

La schiavitù era tradizionalmente comune in molte culture non europee, come tra gli aztechi , gli indiani nordamericani e in molte parti dell'Africa e dell'Asia. Anche la schiavitù nell'Islam dovrebbe essere menzionata qui , che assunse e continuò forme precedenti nel VII secolo.

tempi moderni

Nei tempi moderni , la schiavitù è ripresa con l'espansione del commercio marittimo europeo e la creazione di colonie d'oltremare . In molti casi, questi erano solo scarsamente popolati, così che gli schiavi africani furono importati per costruire l'economia, sul cui lavoro l'economia di queste colonie si è basata in gran parte per secoli. La principale nazione per il commercio di schiavi al mondo è stata il Portogallo fino al 19° secolo . Da solo in Brasilepiù di 3 milioni di schiavi africani sono stati venduti dai mercanti portoghesi nei tempi moderni. Non c'era, ovviamente, una potenza commerciale marittima europea che non fosse coinvolta nella tratta internazionale degli schiavi. Ciò include non solo i commercianti spagnoli, britannici, francesi e olandesi, ma anche svedesi, danesi e brandeburghesi .

Dal XVI al XIX secolo fu significativa anche la cattura e la riduzione in schiavitù di marinai europei e in alcuni casi anche residenti costieri da parte di pirati islamici nordafricani ( corsari barbareschi ). [25] Si stima che tra diverse centinaia di migliaia [26] e oltre un milione di europei caddero in schiavitù in questo modo [27] . Tra l'altro, fondò fondi per schiavi ad Amburgo e Lubecca . La riduzione in schiavitù dei corsari barbareschi fu compensata dalla vendita di migliaia di prigionieri islamici sui mercati degli schiavi europei come Malta o Marsiglia . [25]

Sul ponte di un piroscafo per schiavi nella regione del Congo, intorno al 1900

Dalla fine del XVIII secolo, la schiavitù fu gradualmente abolita in tutto il mondo. Iniziative significative per la sfera di influenza britannica provenivano ad es. da abolizionisti come William Wilberforce (interpretato nel film Amazing Grace ), l'ex mercante di schiavi John Newton e lo schiavo liberato Olaudah Equiano , e guadagnarono spazio pubblico. Ad esempio, sotto la pressione britannica al Congresso di Vienna, la schiavitù fu bandita dall'articolo 118 del Congress Act, le leggi e la marina britannica fermarono almeno la tratta degli schiavi nell'Atlantico e negli Stati Uniti la tratta degli schiavi terminò nel 1865Schiavitù della guerra civile .

Tuttavia, la messa al bando della schiavitù in Occidente servì come giustificazione per la colonizzazione dell'Africa nell'era dell'alto imperialismo. I colonizzatori europei potevano ora adottare un atteggiamento di superiorità morale nei confronti del mondo islamico, dove la schiavitù era ancora accettata, e giustificare la loro azione coloniale in Africa sulla necessità umanitaria di combattere la schiavitù, che riflette gli obiettivi morali degli abolizionisti e gli interessi degli abolizionisti annullati dagli imperialisti. [28]

Nell'Asia buddista , la schiavitù ha giocato un ruolo nel complesso minore che in Occidente e nel mondo islamico. Già nel 18° secolo, Cina e Giappone erano effettivamente "civiltà prive di schiavi". [29]

Con il bando in Mauritania dal 1981 [30] non c'è più una base legale per la tratta degli schiavi e la schiavitù in nessun paese della terra. Tuttavia, l'abolizione formale della schiavitù ha portato a un'effettiva uguaglianza sociale per gli ex schiavi solo nei casi più rari. Questa continuità di dipendenza è particolarmente ben documentata nel caso della schiavitù negli Stati Uniti . Forme di assoggettamento umano simili alla schiavitù possono, tuttavia, essere osservate ancora e ancora anche in culture in cui la schiavitù in senso stretto non ha tradizione; come il lavoro forzato nazista .

elaborazione della storia

Uomini, donne e bambini lavorano sotto il controllo di un sorvegliante a cavallo in una piantagione di cotone negli Stati Uniti meridionali intorno al 1850

Sebbene la schiavitù sia ora ufficialmente abolita in tutti i paesi del mondo, ci sono difficoltà nell'affrontare la questione. Ciò riguarda sia il mondo islamico che il modo europeo di affrontare il proprio passato.

In occasione del 200° anniversario della Rivoluzione francese , il filosofo francese Louis Sala-Molins , che ha insegnato alla Sorbona fino al 2001 , ha richiamato l'attenzione sul fatto che nessuno dei pensatori illuministi era interessato all'abolizione della schiavitù nelle colonie francesi - né Condorcet , Diderot , MontesquieuRousseau . Una nota eccezione fu il marchese de La Fayette . Sala-Molins considera l'atteggiamento nei confronti della questione degli schiavi e dei neri il punto debole decisivo della rivendicazione illuminata dei diritti umani, che vengono propagati come universali. [31] Il 1685 sotto Luigi XIV.Il Code Noir , emanato per le colonie, vi rimase valido per 163 anni ininterrottamente fino al 1848. Cadde poi nell'oblio fino a essere ripubblicato da Sala-Molins nel 1987 come "il più mostruoso testo giuridico dell'età moderna". [32]

Il medievalista francese Jacques Heers ha affermato nel 1996 che la schiavitù come fatto ovvio accanto alla servitù contadina , nonostante alcuni studi relativi all'area mediterranea ad essa dedicati, non compare quasi mai nelle raffigurazioni contemporanee del Medioevo, e questo più o meno intenzionalmente. [33]

Atti iconoclasti contro statue e monumenti sono scoppiati nel 2020 sulla scia delle proteste antirazziste negli Stati Uniti e in Europa . Le personalità storiche raffigurate sono spesso associate alla memoria irriflessa della schiavitù e del colonialismo. [34]

distribuzione

Le società basate sulla schiavitù erano diffuse in tutto il mondo fino al 19° secolo. Nel frattempo, nonostante il suo divieto, la schiavitù persiste in alcuni luoghi nel 21° secolo. Ciò può essere dovuto al fatto che gli schiavi, sotto un'ampia varietà di nomi in diverse culture, avevano e hanno tuttora uno status speciale nell'ambiente sociale, perché le società sono di per sé strutture altamente complesse. Nel suo studio sulla schiavitù nel mondo islamico, l'antropologo francese Malek Chebel ha stimato da 21 a 22 milioni di schiavi che, nel corso di 1.400 anni, furono schiavi come slavi, concubine, servi, schiavi dall'Africa o nel La tratta degli schiavi nel Mediterraneoi cristiani catturati persero la libertà. Chebel conta anche i filippini, gli indiani e i pakistani che attualmente lavorano negli Stati del Golfo, che lì stanno perdendo i loro diritti umani, ma non tiene espressamente conto, ad esempio, delle minoranze africane nel Maghreb, in Turchia, in Iran o in Afghanistan. [35]

Fondata nel 2010 dall'imprenditore australiano Andrew Forrest , la Walk Free Foundation è impegnata nella lotta contro le moderne forme di schiavitù. Ogni anno dal 2013 la Fondazione pubblica un Global Slavery Index con stime dell'entità della schiavitù in 162 paesi (2013) e 167 paesi (dal 2014). L'indice attuale del 2018 arriva a un totale stimato di 40,3 milioni di uomini, donne e bambini ridotti in schiavitù in tutto il mondo. [36]

giustificazione

In quasi tutte le epoche, anche il mantenimento degli schiavi è stato sostenuto ideologicamente. I Greci dividevano l'umanità in Greci e Barbari (dal greco βάρβαρος - termine originario nell'antica Grecia per tutti coloro che non (o male) parlavano greco) [37] e sembrava solo buono e giusto fare schiavi dei barbari. Inoltre, i greci resero schiavi gli abitanti delle città conquistate, anche se essi stessi erano greci. Ad esempio, secondo il dialogo Meliano di Tucidide , gli abitanti di Milos resistettero al tempo della guerra del Peloponnesonel V secolo a.C alla potente Atene e furono poi ridotti in schiavitù dagli Ateniesi. [38] [39] Senofonte formula fondamentalmente la legge del più forte:

"Poiché è una legge eterna in tutto il mondo, che se una città nemica viene conquistata, le persone e le proprietà degli abitanti appartengono ai conquistatori".

Senofonte : Cyrupedia , VII 5,73

D'altra parte, i greci liberi trovarono una disgrazia l'esistenza dei greci ridotti in schiavitù e la riduzione in schiavitù di intere città rimase molto controversa. Alcuni capi militari rifiutarono questa pratica, come gli Spartani Agesilaus II [40] e Kallikratidas . [41] Occasionalmente è stato anche bandito da trattati interurbani. Ad esempio, Mileto e Cnosso si impegnarono nel III secolo a.C. l'un l'altro per non rendere schiavi i cittadini dell'altra città. [42]

Nell'antica Grecia, Aristotele definiva gli schiavi come intrinsecamente di proprietà. [43] Lasciando da parte la problematica giustificazione sostanza-filosofica e diritto naturale di questo rapporto di proprietà, Aristotele continua a caratterizzare gli schiavi con due caratteristiche. Per prima cosa, tali beni hanno la qualità di essere uno strumento speciale che può sostituire molti altri strumenti. Secondo la teleologia aristotelica , gli strumenti non hanno uno scopo proprio, ma devono subordinarsi a uno scopo determinato da un tutto perfetto di cui sono solo una parte imperfetta. [44]A differenza di altri strumenti inanimati, tuttavia, questi strumenti umani possiedono una certa capacità di anticipazione. Aristotele scrive che gli schiavi sono in grado di anticipare i comandi da soli e non solo di agire sui comandi degli altri. In quanto tali strumenti anticipatori, hanno un'anima, ma sono incapaci di una formazione completa e razionale. Perciò è meglio che lo schiavo serva come schiavo di persone superiori.

Cicerone in seguito parla di ebrei e siriani come di "persone nate per essere schiave" e suggerisce che alcune nazioni se la cavano bene quando sono in uno stato di totale sottomissione politica. Soprattutto, le opinioni di Aristotele furono in seguito utilizzate per dare alla schiavitù una giustificazione ideologica.

La schiavitù è descritta nella Bibbia come un fatto dell'antica società ebraica. All'inizio dell'Antico Testamento, la giustificazione per la schiavitù permanente si trova nella maledizione di Noè sul figlio Cam, capostipite dei Cananei (Genesi 9,18-27). La legge mosaica distingueva fra schiavi autoctoni e stranieri secondo l'origine (Lv 25,44-46). Solo questi ultimi erano considerati schiavi in ​​senso stretto, cioè H. Proprietà realizzabile a vita – Consentita. È vero che anche gli ebrei nati liberi potevano cadere in schiavitù per indebitamento . Tuttavia, erano esenti da determinati lavori e dovevano essere rilasciati nel settimo anno ( anno sabbatico ) ( Ex 21.2  UE eDeut 15.12  UE ). Non c'erano regolamenti speciali per il trattamento degli schiavi. Era espressamente vietato uccidere gli schiavi (Es 21,20-21). Inoltre, gli schiavi dovevano essere liberati se erano stati gravemente maltrattati fisicamente dal loro padrone (Es 21,26-27).

Nei vangeli del Nuovo Testamento, invece, non si fa esplicito riferimento alla schiavitù come pratica di dominio. Solo nelle lettere dell'apostolo Paolo questo compare più volte. In essa Paolo sottolinea, in vista delle comunità eterogenee della Chiesa primitiva, che tra i cristiani non c'è differenza tra schiavi e persone libere ( Gal 3.28  UE ; Col 3.11  UE ; 1 Cor 12.13  UE ). Ciò diventa particolarmente chiaro nella lettera di Paolo a Filemone, quando gli chiede di accettare il suo schiavo fuggito e ora battezzato Onesimo come un fratello amato (Fil 15-17). È così che il cristianesimo primitivo formulò per la prima volta nell'antichità il valore e la dignità degli schiavi. Il fatto che il cristianesimo, secondo l'interpretazione di Paolo, non contenga un messaggio socio-rivoluzionario è mostrato nella prima lettera a Timoteo ( 1 Tm 6,1-2  UE ). Paolo sostiene che la libertà che Gesù Cristo dona non dipende dallo stato civile esterno ( 1 Cor 7,22  UE ). Lascia intatta la schiavitù come forma di proprietà socialmente stabilita, ma ricorda a schiavi e padroni i loro doveri reciproci (Col 3,22-4,1; Ef 6,1-9  EU). La schiavitù fa parte dell'ordine ordinato da Dio in cui le persone hanno status diversi e devono venire a patti con loro.

Nel Medioevo si aggiunse l'argomento della schiavitù e della tratta degli schiavi che promuoveva la cristianizzazione dei pagani. Con le bolle pontificie Dum diversas (1452) e Romanus Pontifex (1455), i cristiani potevano asservire saraceni , pagani e altri nemici della cristianità e prenderne i possedimenti. [45] Nel caso del fante dalmata , la cui schiavitù era limitata nel tempo, si sottolineava che erano necessari alcuni anni di lavoro da schiavo per dare loro il tempo sufficiente per studiare.

Alcuni papi medievali si sono espressi con forza contro la schiavitù. Giovanni VIII dichiarò nella bolla Unum est dell'873 che era ingiustificabile secondo l'insegnamento di Cristo. Pio II in una lettera definì la tratta degli schiavi un "magnum scelus ", un grande crimine, e condannò la schiavitù in una bolla del 7 ottobre 1462. [46]

Nel 1510, le teorie di Aristotele furono applicate per la prima volta agli indiani d'America dallo studioso scozzese John Major. [47] Fu solo nel 1537 che la bolla Sublimis Deus stabilì che altri gruppi etnici non europei, ad es. B. Gli indiani sono persone reali con la capacità di comprendere la fede cattolica. Ora era proibito privarli della loro libertà e proprietà. Tuttavia, nel 19° secolo si mantenevano opinioni opposte. Ad esempio, George Fitzhugh pubblicò un libro nel 1854 in cui scriveva: “Alcuni uomini nascono con una sella sulla schiena, e altri sono stivaletti e spronati a cavalcarla. Ed è un bene per loro!" [48]

Schiavitù e dipendenza simile alla schiavitù oggi

“La schiavitù moderna è vista come una situazione di vita di sfruttamento da cui non c'è via di scampo per le vittime a causa di minacce, violenze, coercizioni, abusi di potere o inganni. In molti casi, le persone colpite sono trattenute su pescherecci in Asia, sfruttate come lavoratrici domestiche o costrette a prostituirsi nei bordelli .” [49]

Nell'aprile 2006 Terre des hommes ha pubblicato i dati secondo cui più di 12 milioni di persone devono essere considerate schiave. Queste cifre sono state successivamente confermate dalle Nazioni Unite . Circa la metà sono bambini e giovani. Sono vittime della tratta di esseri umani e del lavoro forzato. [50] Secondo questo , la maggior parte dei lavoratori forzati vive in India , Bangladesh e Pakistan . Anche nei paesi industrializzatile donne in particolare vivono come prostitute forzate in condizioni simili alla schiavitù. Inoltre, i lavoratori sono impiegati illegalmente senza diritti nell'edilizia, nelle famiglie e nell'agricoltura. Nell'Europa centrale sono noti casi individuali di condizioni di lavoro simili alla schiavitù. Ad esempio, un addetto culturale yemenita a Berlino, che godeva dell'immunità diplomatica , ha tenuto per anni una collaboratrice domestica non pagata in condizioni simili alla schiavitù. [51]

La storia della schiavitù nell'Islam non è finita nemmeno in tempi recenti. Così viene denunciata la schiavitù nello Stato Islamico . [52]

Secondo un rapporto pubblicato a metà del 2016 dalla Walk Free Foundation , [53] una fondazione fondata dall'imprenditore e miliardario australiano Andrew Forrest e sua moglie Nicola [53] per combattere le moderne forme di schiavitù, quasi 46 milioni [54] di persone si dice che in tutto il mondo vivano come schiavi o lavoratori simili a schiavi; due terzi di loro nella regione Asia-Pacifico . Con oltre 18 milioni, l' India è il Paese con il maggior numero di vittime, seguita dalla Cina con 3,4 milioni e dal Pakistan con 2,1 milioni.Con il 4,37%, la Corea del Nord ha il tasso più alto rispetto alla propria popolazione, ed è anche l'unico Paese al mondo che non fa nulla contro la schiavitù. [49] Inoltre, Russia, Cina, Corea del Nord, Nigeria, Iraq, Indonesia, Congo e Filippine erano tra i dieci paesi che rappresentano il 60% del numero totale di schiavi nel mondo secondo la valutazione 2018 della Walk Free Foundation . [55]

La Walk Free Foundation ha progettato e creato un Global Slavery Index : oltre a raccogliere dati, fornisce anche una panoramica dell'impegno dei politici di tutto il mondo. [54]

situazione nei singoli paesi

Brasile

Condizioni di lavoro simili alla schiavitù sono ancora diffuse nelle regioni rurali del Brasile e il fenomeno va ben oltre i casi isolati. Da anni quindi c'è un intenso dibattito nei media, tra attivisti per i diritti umani e nella comunità accademica, la parola chiave è il trabalho escravo , i. e. "Schiavitù moderna". [56] I risultati del dibattito sono un adattamento del diritto del lavoro brasiliano, che per la prima volta definisce e punisce condizioni di lavoro simili alla schiavitù. La definizione di "schiavitù moderna" non include l'effettiva proprietà delle persone, abolita in Brasile dal 1888, ma descrive condizioni di lavoro come la schiavitù per debiti, la privazione della libertà sul lavoro, giornate di lavoro eccessivamente lunghe ed estenuanti. Sebbene queste condizioni corrispondano alla forma del lavoro salariato semi-contrattuale, in realtà si avvicinano alla schiavitù. Con questa definizione moderna, il diritto del lavoro, se attuato localmente, può catturare la schiavitù moderna e punire coloro che traggono profitto. [57]

Haiti

Secondo un rapporto di Kindernothilfe nel 2009, circa 300.000 bambini di entrambi i sessi vivono ad Haiti come schiavi domestici, i cosiddetti restavec (dal francese : rester avec 'stare con qualcuno') in famiglie della classe alta e media, principalmente nella capitale Port-au-Prince . Provengono principalmente da famiglie che vivono in zone rurali che difficilmente riescono a sfamare i propri figli e quindi di solito li lasciano gratuitamente a famiglie più abbienti. Lì devono svolgere tutti i lavori domestici tutti i giorni con vitto e alloggio gratuiti, ma senza possibilità di istruzione e senza pagamento. punizioni corporali egli abusi sessuali senza conseguenze penali per gli autori sono all'ordine del giorno. Benché nella costituzione di Haiti dopo la fine della schiavitù e la dichiarazione di indipendenza del 1804 sia stato inserito nella costituzione di Haiti un passaggio che assicura sostanzialmente ai bambini il "diritto all'amore, all'attenzione e alla comprensione" e regola anche la "libertà di lavoro", queste intenzioni sono non implementato nella realtà quotidiana . [58] [59]

Repubblica Dominicana

Secondo le stime dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), circa 2.000 bambini haitiani vengono trasportati illegalmente attraverso il confine verso la Repubblica Dominicana da bande di contrabbandieri e lì venduti come schiavi domestici e lavoratori agricoli. [60]

Mauritania

La schiavitù in Mauritania persiste nonostante la sua ripetuta abolizione ufficiale - l'ultima nel 2007 - e colpisce i discendenti di persone che sono state ridotte in schiavitù generazioni fa e non sono state rilasciate fino ad oggi, gli ʿAbīd ( cant . Abd ), che usavano i "mori bianchi" ( Bidhan ) come schiavi da servire. Il loro numero è sconosciuto, ma secondo le stime dei gruppi per i diritti umani è di centinaia di migliaia.

Sudan

La continua esistenza della schiavitù in Sudan e nel Sud Sudan colpì principalmente i gruppi etnici Dinka e Nuba e divenne nota a livello internazionale attraverso i rapporti di ex schiavi come Mende Nazer e Francis Bok . Quante persone sono state ridotte in schiavitù o continuano a vivere in schiavitù non è esattamente noto, le stime vanno da poche decine di migliaia a centinaia di migliaia.

Costa d'Avorio

Secondo Anti-Slavery International , secondo Greenpeace , circa 200.000 bambini schiavi, alcuni dei quali provenienti dai paesi vicini, saranno usati come mietitori in Costa d'Avorio , da dove proviene il 40% del raccolto mondiale di cacao. Sono ragazzi e ragazze di età compresa tra 10 e 14 anni, per lo più provenienti da Mali , Burkina Faso , Niger , Nigeria , Togo e Benin , e lavorano solo per vitto e alloggio senza paga. Il 90% di loro dovrebbe trasportare carichi pesanti e due terzi di pesticidi non protettispray. Intorno all'anno 2000, i produttori di cioccolato si sono impegnati a cambiare questa situazione. Secondo uno studio del Südwind Institute , che è vicino alla chiesa, dopo non è successo quasi nulla. Come spesso accade nel commercio internazionale, un prezzo di acquisto basso viene promosso con quasi tutti i mezzi. Negli Stati Uniti sono quindi pendenti procedimenti giudiziari contro Nestlé per schiavitù e sequestro di bambini dal Mali. [61]

Afghanistan

Nel nord dell'Afghanistan in particolare, la tradizione secolare del " Bacco Baazi " (letteralmente "gioco da ragazzi" [62] ), che è ancora socialmente accettata in ampi circoli, è ancora oggi praticata: questa forma di prostituzione minorile , che un'ONU un dipendente descrive come schiavitù minorile 63] un ragazzo travestito da donna (Bacchá) prima balla davanti agli uomini e poi di solito deve soddisfarli anche sessualmente. [63] I "ragazzi che ballano" hanno un'età compresa tra gli otto e i quattordici anni circa, [64] vengono spesso acquistati da famiglie povere, alcuni vengono rapiti o vengonoOrfani dalle strade. [63] Inizialmente vengono formati come ballerini per eventi di intrattenimento simili a feste sessuali, ma al più tardi dopo che la barba inizia a crescere, vengono scambiati dai loro "proprietari" con ragazzi più giovani, nel migliore dei casi sono sposati con una donna più anziana che non è più vergine , e ogni tanto vengono a patti anche con una casetta e un podere, [65] per lo più semplicemente violati senza compenso. [63] Non pochi "Baccha Baazis" sono stati assassinati dopo aver tentato di fuggire dai loro "padroni" nel loro periodo "attraente". [63]

Ciò accade, anche se secondo l'interpretazione (non incontrastata) di alcuni esegeti , la quarta sura del Corano prevede la punizione degli atti sessuali tra persone dello stesso sesso :

“E coloro che lo commettono [vergogna [66] ] di voi [uomini], punite entrambi. E se si pentono e si emendano, lasciali andare. Ecco, Allah è perdonatore e misericordioso”.

Sura 4 , versetto 16 [67]

e sebbene la legge vigente in Afghanistan vieti i rapporti sessuali con ragazzi o adolescenti di età inferiore ai 18 anni e con ragazze di età inferiore ai 16 anni, e anche se la maggior parte degli uomini afgani rifiuta l'omosessualità nelle conversazioni pubbliche quotidiane in quanto disgustosa e ripugnante. [63]

Nepal

La servitù della gleba è stata bandita in Nepal dal 2000. Ciononostante, migliaia di ragazze minorenni vengono vendute ogni anno, per lo più dall'età di cinque anni, alcune anche dai quattro ai 15 anni, per lavorare nelle case di ricchi proprietari terrieri come le cosiddette Kamalaris [68] , completamente senza diritti e senza alcuna tutela, fino a 16 ore al giorno vengono eseguiti tutti i tipi di lavoro. Il 10 per cento di loro sarebbe anche abusato sessualmente dai loro proprietari . [69] [70] [71]

Riconoscimento delle moderne forme di schiavitù come schiavitù

L'articolo 4 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo vieta la schiavitù. Molti politici e organizzazioni per i diritti umani il cui impegno nella lotta contro le moderne forme di schiavitù - in particolare la prostituzione forzata , il lavoro forzato , il lavoro minorile [72] [73] e il reclutamento di bambini come soldati [74] [75] - cercano il riconoscimento di questi fenomeni come schiavitù. Si dice che ci siano più schiavi nel mondo oggi che in qualsiasi momento della storia umana. [76] Al paragrafo 104 del codice penale austriacopunisce la tratta degli schiavi e la riduzione in schiavitù di altri con la reclusione da dieci a venti anni; [77] in Germania l'autore del reato rischia da 6 mesi a 10 anni di reclusione (lavoro in schiavitù: § 233, sfruttamento sessuale: § 232, sequestro di persona: § 234 StGB ).

Il Consiglio d' Europa condanna e criminalizza ogni forma di schiavitù ai sensi dell'articolo 4 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Ma anche oggi le persone possono trovarsi in situazioni paragonabili alla schiavitù. Un esempio di ciò è la tratta criminale di esseri umani e la detenzione di donne a fini di sfruttamento sessuale. La prostituzione forzata di donne e ragazze è aumentata, in particolare dopo il crollo del comunismo nell'Europa orientale e la perdurante instabilità nel territorio dell'ex Jugoslavia. [78]

Le organizzazioni per i diritti umani lavorano per garantire che la prostituzione forzata sia trattata legalmente come schiavitù e quindi come una violazione dei diritti umani. Ciò riguarda anche gli stati democratici dell'Europa centrale, dove ad es. T. le disposizioni di legge esistenti sono scarsamente attuate.

Abolizione della schiavitù nel presente

Guarda anche

letteratura

storia

Tedesco

inglese

  • Hilary Beckles, Verene Shepherd (a cura di): Società ed economia degli schiavi caraibici . Ian Randle Publishers, Kingston/James Currey Publishers, Londra 1991.
  • Robert C. Davis, Christian Slaves and Muslim Masters - White Slavery in the Mediterranean, the Barbery Coast, and Italy, 1500-1800. Palgrave Macmillan, Houndmills (GB) 2003, ISBN 0-333-71966-2 .
  • Seymour Drescher: Abolition - A History of Slavery and Antislavery. Cambridge University Press, New York 2009, ISBN 978-0-521-60085-9 .
  • Frederick C. Knight: Working the Diaspora - The Impact of African Labour on the Anglo-American World 1650-1850. New York University Press, New York/Londra 2010, ISBN 978-0-8147-4818-3 .
  • Kenneth Morgan: una breve storia della schiavitù transatlantica. Tauris, Londra/New York 2016, ISBN 978-1-78076-386-6 .
  • Orlando Patterson , Schiavitù e morte sociale. Uno studio comparativo. Harvard University Press, Cambridge (MA)/ Londra 1982, ISBN 0-674-81083-X .
  • Johannes Postma : La tratta atlantica degli schiavi . University Press della Florida, Gainesville et al. 2005
  • Joel Qirk: Il progetto contro la schiavitù. Dalla tratta degli schiavi alla tratta di esseri umani . University of Pennsylvania Press, Filadelfia 2011, ISBN 978-0-8122-4333-8 .
  • Jonathan Schorsch: ebrei e neri nella prima età moderna. Cambridge University Press, Cambridge 2004, ISBN 0-521-82021-9 .
  • Eric Eustace Williams : Capitalismo e schiavitù. Stampa dell'Università della Carolina del Nord, Chapel Hill 1944.
  • La storia mondiale della schiavitù di Cambridge. 4 volumi, Cambridge University Press, Cambridge/New York 2011 e seguenti (Volume 2 on the Middle Ages non ancora pubblicato).

Regalo

Tedesco

inglese

film

  • Slaves Today - Deal Without Mercy , documentario italo-francese (1964)
  • Daniel Cattier, Juan Gélas, Fanny Glissant (Direttore): Traffico di esseri umani - Una breve storia della schiavitù. Francia, Documentazione, 2018. Titolo originale: Les route de l'esclavage. [79]

link internet

Commons : Slavery  - Album con immagini, video e file audio
Wikizionario: schiavitù  - spiegazioni di significato, origine della parola, sinonimi, traduzioni
Wikisource: Schiavitù  - fonti e testi completi
Wikiquote: Schiavitù  - Citazioni

voci

  1. Friedrich Kluge , Alfred Götze : Dizionario etimologico della lingua tedesca . 20a edizione. A cura di Walther Mitzka . De Gruyter, Berlino / New York 1967; Ristampa (“21a edizione invariata”) ibid.1975, ISBN 3-11-005709-3 , p.711 f.
  2. schiavo. In: F. Kluge: Dizionario etimologico della lingua tedesca . 1891.
  3. Friedrich Kluge : Dizionario etimologico della lingua tedesca . 7a edizione, a cura di Walther Mitzka . Walter de Gruyter, Berlino 1957, ISBN 978-3-11-154374-1 , p.712 (accessibile tramite De Gruyter Online).
  4. ^ Vedi Malek Chebel: L'Esclavage en Terre d'Islam. Un tabù bien garde. Fayard, Parigi 2007, ISBN 978-2-213-63058-8 , p. 35. - Per il medievalista francese Jacques Heers, questa etimologia è chiara.
  5. ^ Alexandre Skirda, La traite des Slaves. L'esclavage des Blancs du VIIIe au XVIIIe siècle , Les Éditions de Paris: Paris 2010, p.5.
  6. ^ Jacques Heers: Esclaves et domestiques au Moyen Âge dans le monde mediterraneen. Hachette, Parigi 1996, ISBN 2-01-279335-5 , pp. 24–30.
  7. ^ Cfr Jacques Heers (1996), p.7.
  8. ^ O Patterson, Schiavitù e morte sociale. 1982, pp. 35-101.
  9. ^ Georg Klaus, Manfred Buhr (a cura di): Dizionario di filosofia marxista-leninista. Rowohlt, Reinbek 1983, ISBN 3-499-16157-5 , pagina 1109.
  10. ^ Ira Berlin: Generazioni di cattività: una storia di schiavi afroamericani. The Belknap Press della Harvard University Press, Cambridge/Londra 2003, ISBN 0-674-01061-2 , p.8 f.
  11. ^ La genesi delle società di possesso di schiavi è descritta più dettagliatamente in Richard S. Dunn, Sugar and Slaves: The Rise of the Planter Class in the English West Indies, 1624–1713. Chapel Hill 1972; e Richard B. Sheridan, Sugar and Slavery: An Economic History of the British West Indies, 1623–1775. Baltimora 1973.
  12. ^ Michael Zeuske: Manuale Storia della schiavitù. Una storia globale dalle origini ai giorni nostri. De Gruyter, New York/Berlino 2019, ISBN 978-3-11-055884-5 , pagina 213.
  13. ^ Richard Konetzke : America meridionale e centrale I. Le culture indiane dell'antica America e il dominio coloniale ispano-portoghese (=  Storia del mondo Fischer , vol. 22). Fischer, Francoforte sul Meno 1965, pp. 173–204.
  14. ^ Robert Delort : Le petit peuple des esclaves en Toscane, à la fin du Moyen Âge. In: Pierre Boglioni, Robert Delort, Claude Gauvard: Le petit peuple dans l'Occident médiéval. Terminologie, percezioni, realtà: Actes du Congrès international tenu à l'Université de Montréal 18-23 ottobre 1999 (=  Publications de la Sorbonne. / Histoire ancienne et médiévale , volume 71). Pubblicazioni della Sorbona, Parigi 2002, ISBN 978-2-85944-477-8 , pp. 379–394.
  15. Dimenticato e represso. Fino a 40 anni fa i bambini venivano abusati come schiavi in ​​Svizzera. In: Süddeutsche Zeitung. 19 ottobre 2009, pag.9.
  16. ^ Università di Brandeis della schiavitù tradizionale o di Chattel
  17. Convenzione supplementare sull'abolizione della schiavitù, la tratta degli schiavi e le istituzioni e pratiche assimilabili alla schiavitù (qui sul sito web delle Autorità Federali della Confederazione Svizzera), cfr. Articolo 7.
  18. Katy Waldman: schiava o schiava? Non è solo un dibattito accademico per gli storici della schiavitù americana. . In: Slate , 19 maggio 2015. Estratto il 20 maggio 2015. 
  19. ^ Michael Zeuske : Manuale Storia della schiavitù. Una storia globale dalle origini ai giorni nostri. De Gruyter, New York/Berlino 2019, ISBN 978-3-11-055884-5 , pagina 445 seg.
  20. ^ Abdul Sheriff: la ribellione Zanj e la transizione dalla piantagione alla schiavitù militare . In: Studi comparativi dell'Asia meridionale, dell'Africa e del Medio Oriente . nastro 38 , n. 2 , 1 agosto 2018, ISSN  1089-201X , pp. 246–260 , doi : 10.1215/1089201x-6982029 .
  21. ^ Ernst Emmering: Ratisbona e la storia europea . In: Konrad Maria Färber (a cura di): Almanacco di Ratisbona . nastro 2008 . MZ Buchverlag, Ratisbona 2008, ISBN 978-3-934863-44-6 , pag. 26-27 .
  22. ^ Matthias Hardt: slavi. in: Michele Borgolte (a cura di): Le migrazioni nel medioevo. Un manuale. Academy, Berlino 2014, ISBN 978-3-05-006474-1 , pp. 171–181, qui p. 179.
  23. Cfr. su questo il libro francese di Jacques Heers: Esclaves et domestiques au Moyen Âge dans le monde méditerranéen. (Schiavi e servi domestici nel Medioevo nel mondo mediterraneo.) Parigi 1996.
  24. ^ Egon Flaig: Storia mondiale della schiavitù. Monaco di Baviera 2009, pagina 158 seg.
  25. ^ a b Mario Klarer: Introduzione. In: lo stesso (a cura di): Pirateria e cattività nel Mediterraneo 1550–1810 (= ricerca Routledge nella prima storia moderna. ). Routledge, Londra/New York 20189, ISBN 978-1-138-64027-6 , pp. 1–22.
  26. ^ Gerald MacLean, Schiavitù e sensibilità: un dilemma storico. In: Brycchan Carey, Peter J. Kitson (a cura di): Slavery and the Cultures of Abolition: Essays Marking the Bicentennial of the British Abolition Act del 1807 (= Essays in art and culture. ). DS Brewer, Cambridge 2007, ISBN 978-1-84384-120-3 , pp. 173–194.
  27. ^ Robert C. Davis, Christian Slaves, Muslim Masters: White Slavery in the Mediterranean, the Barbery Coast, and Italy, 1500-1800. Palgrave Macmillan, Basingstoke 2003, Houndmills GB 2003,.
  28. Jürgen Osterhammel: La trasformazione del mondo. Una storia dell'ottocento . Edizione speciale, 2a edizione. Beck, Monaco di Baviera 2011, ISBN 978-3-406-61481-1 , pag. 1191 .
  29. Jürgen Osterhammel: La trasformazione del mondo. Una storia dell'ottocento . Edizione speciale, 2a edizione. Beck, Monaco di Baviera 2011, ISBN 978-3-406-61481-1 , pag. 1190 .
  30. ^ I parlamentari mauritani approvano la legge sulla schiavitù . In: BBC News , 9 agosto 2007. Estratto il 17 gennaio 2011. 
  31. ^ Louis Sala-Molins, Les misères des Lumières. Sous la raison l' outrage, Homnisphères: Paris 2008 (ristampa della prima edizione del 1992), ISBN 2-915129-32-0 , p.22.
  32. Louis Sala-Molins: Le Code Noir ou le calvaire de Canaan. Quadrige/PUF, Parigi 1987. (Ristampa: 2007, ISBN 978-2-13-055802-6 ).
  33. ^ Jacques Heers (1996), pagina 7 seg.
  34. ^ Deutsche Welle: statua di Colombo decapitata a Boston, un'altra sormontata a Richmond. 10 giugno 2020, recuperato il 15 giugno 2020 (inglese).
  35. ^ Malek Chebel (2007), pagina 91.
  36. ^ 2018 Global Slavery Index: Findings , accesso il 30 maggio 2021
  37. Dizionario greco online . Input: βάρβαρος Su: gottwein.de
  38. ^ Tucidide ; La guerra del Peloponneso. Dialogo più melier. / Traduzione: Tucidide [v400], Georg Peter Landmann (a cura di): La guerra del Peloponneso (= biblioteca del mondo antico; Historiae ). Artemis & Winkler, Dusseldorf/Zurigo 2002, ISBN 3-7608-4103-1 .
  39. Wolfgang Will : L'affondamento di Melos. (La politica del potere a giudizio di Tucidide e di alcuni contemporanei). Habelt, Bonn 2006, ISBN 3-7749-3441-X .
  40. ^ Plutarco : Vita di Agesilao 7, 6 .
  41. ^ Senofonte , Helleniká ( 1, 6, 14 ).
  42. ^ Yvon Garlan: Les Esclaves en Grèce ancienne. La Découverte, Parigi 1982, pagina 57.
  43. ^ Aristotele , Politica I. 6.
  44. ^ Aristotele: Politica. 1254a, 20 segg.
  45. ^ Ronald Daus: L'invenzione del colonialismo. Martello, Wuppertal 1983, ISBN 3-87294-202-6 .
  46. ^ Josef Spindelböck : La valutazione morale della schiavitù. Una lezione sul problema del riconoscimento di norme morali universalmente valide. In: Il nuovo ordine. Volume 68, 2014, pagina 175 segg ( in linea ).
  47. ^ Lewis Hanke, Aristotele e gli indiani d'America, Uno studio sul pregiudizio razziale nel mondo moderno. 1959, pagina 14.
  48. ^ La sociologia del sud, o il fallimento della società libera. Richmond 1854, pagina 179.
  49. ^ a b Badische-zeitung.de , Ausland , 1 giugno 2016, AFP : si dice che 45 milioni di persone vivano come schiave (19 giugno 2016)
  50. Morte di uno schiavo. In: Die Zeit , 21 febbraio 2008.
  51. ^ taz.de , 30 marzo 2008: L'ambasciata risarcisce lo schiavo
  52. Vedi ad esempio la fatwa emessa dall'IS per il trattamento delle donne schiave ORF News, 29 dicembre 2015.
  53. a b walkfreefoundation.org
  54. a b globalslaveryindex.org
  55. Indice globale della schiavitù: ci sono 800mila vittime della schiavitù moderna in Russia , Novaya Gazeta, 22 luglio 2018.
  56. ^ Cfr. Julia Harnoncourt: Trabalho escravo ? Un confronto storico a livello globale, in: Annuario per la ricerca sulla storia del movimento operaio , Numero III/2015.
  57. Sul dibattito legale sulla "schiavitù moderna" in Brasile, vedi Giselle Sakamoto Souza Vianna: Coercion and formal freedom in modern slavery in Brazil: Concepts under discussioni , in: Lavoro - Movimento - Storia. Rivista di Studi Storici , Numero I/2016.
  58. ^ Gaby Herzog: I figli schiavi di Port-au-Prince. In: Berliner Zeitung. 25 agosto 2009, p.8 , recuperato il 26 agosto 2009 .
  59. ^ Jürgen Schübelin: senza diritti, dipendente, estradato: bambini schiavi ad Haiti. (Non più disponibile online.) In: Kindernothilfe - Argomenti - Lavoro minorile - Reportage: Bambini schiavi ad Haiti. Precedentemente nell'originale ; recuperato il 26 agosto 2009 .  ( pagina non più disponibile , ricerca negli archivi web )@1@2Vorlage:Toter Link/www.kindernothilfe.de
  60. OIM - Assistenza ai bambini vittime della tratta di esseri umani ad Haiti
  61. Così dolce eppure così amaro. In: Il tempo. 17 dicembre 2009 n. 52.
  62. Visita del Rappresentante Speciale per i Bambini ei Conflitti Armati in Afghanistan. (PDF) ONU, febbraio 2010, p.9 , archiviato dall'originale il 29-08-2010 ; Estratto il 29 agosto 2010 (inglese).
  63. a b c d e f Florian Flade: Baccha Baazi – Le bambine prostitute dell'Afghanistan: sotto gli occhi delle truppe occidentali, in Afghanistan viene praticata una forma silenziosa di abuso sui minori. In: Il mondo. 27 agosto 2010, recuperato il 29 agosto 2010 .
  64. ^ berliner-zeitung.de , 1 aprile 2010, Antonia Rados: Schiave del sesso in Afghanistan
  65. ^ Abusati e assassinati - molestatori di bambini in Afghanistan. Film di Jamie Doran, (titolo originale: Dancing Boys of Afghanistan , 2010), prima tedesca: Phönix 11 agosto 2011, 23:00
  66. Traduzione non verificata da Internet. – Qualcuno ha la formulazione originale della traduzione (Khoury) su cui si basa questa citazione della sura?!
  67. ^ Adel Theodor Khoury: Il Corano. arabo-tedesco. Gutersloh 2004, pagina 154.
  68. ^ Le Nazioni Unite sollecitano la fine della pratica nepalese di utilizzare le ragazze come lavoratrici domestiche. Centro notizie delle Nazioni Unite
  69. ^ Traffico di esseri umani: la rivolta dei bambini schiavi nepalesi. In: Lo specchio. N. 10, 5 marzo 2011, pp. 54-58.
  70. Urmila Chaudhary, Nathalie Schwaiger: Schiava: venduta, rapita, dimenticata - la mia battaglia per le figlie del Nepal. Droemer Knaur, Monaco di Baviera 2011, ISBN 978-3-426-65497-2 .
  71. Dialika Krahe: La ribellione degli schiavi . Su: spiegel.de Der Spiegel dal 5 marzo 2011; ultimo accesso 11 febbraio 2016.
  72. L'istruzione è l'arma più efficace contro lo sfruttamento. In: greenpeace magazin 6.00 ( Memento del 20 giugno 2012 in Internet Archive )
  73. Lavoro minorile. Su: antislavery.org ( Memento del 1 marzo 2009 su Internet Archive )
  74. Roland Kirbach: Modern Slavery: Intervista ad Andreas Rister da Terre des hommes . Su: zeit.de Die Zeit dal 28 agosto 2003; ultimo accesso 11 febbraio 2016.
  75. ^ Melanie Gow (Società Anti-Schiavitù): Bambini Soldati . A: anti-slaverysociety.addr.com dal 2002; ultimo accesso 11 febbraio 2016.
  76. ^ Immorfo: E. Benjamin Skinner: A World Enslaved ( Memento dell'8 febbraio 2016 su Internet Archive ). A: wordsinresistance.wordpress.com del 27 dicembre 2008 ( Foreign Policy. di marzo/aprile 2008); ultimo accesso 11 febbraio 2016.
  77. Codice Penale Sistema Informativo Legale della Repubblica d'Austria Su: ris.bka.gv.at ; ultimo accesso 11 febbraio 2016.
  78. Boris Kanzleiter: l'Unione Europea rafforza l'hub del traffico di esseri umani . Su: heise.de (heise online) dal 1 agosto 2002; ultimo accesso 11 febbraio 2016.
  79. ( Online su arte -tv)